Il luogo dove si inizia il viaggio verso una nuova vita

9. agosto 2021

centro di riabilitazione per donne

Spesso non apprezziamo la semplice felicità della nostra vita, come svegliarsi ogni mattina nella propria casa, comprare i biscotti per prendere il tè, chiamare nostro marito o baciare nostro figlio in qualsiasi momento. Pensare chiaramente, respirare aria fresca, ammirare bei paesaggi mentre si guida una macchina.

Le donne che sono diventate residenti della casa di accoglienza, che è stata fondata sul territorio di una fattoria del monastero di Santa Elisabetta, sono private della felicità abituale. Molti di loro non hanno una casa propria, alcuni di loro hanno sofferto di molto dolore. Sanno cosa significa essere abbandonati dai loro parenti o la situazione quando i loro figli vengono messi in un orfanotrofio. Su alcuni volti si possono vedere le tracce della dipendenza dall'alcol. Ci sono anche alcuni che soffrono di malattie mentali. Ognuno di loro ha la propria storia che non condivide molto con gli altri, che si tratti di un estraneo o anche di un nuova persona arrivata alla casa. Tuttavia, sono molto affezionati alla suora Barbara (Atrasevitch) che è responsabile di questo centro di accoglienza.

raccogliere funghi

Sulla porta d'ingresso vediamo un cartello che dice: "L'ingresso è permesso con la benedizione del padre spirituale della comunità". C'è vita dietro quella porta. Questa porta è come un confine, in un certo senso. Per le donne che si sono abituate ad associare la vita ai piaceri, ai divertimenti e ad ogni sorta di passioni, la vita qui è come se stesse per finire. D'altra parte, per coloro che sono stanchi del trambusto del mondo, che cercano riposo e pace per la loro anima e cibo per il loro corpo, la vita comincia soltanto.

Il lavoro e la preghiera fanno parte di questa vita. È un viaggio lento e difficile, durante il quale ci possono essere delle cadute nelle tentazioni. Tuttavia, è necessario alzarsi di nuovo per continuare il movimento. È anche uno sforzo per liberarsi dal peso dei peccati che hanno messo radici nel corso degli anni.

Dal 2011, quando il monastero di Santa Elisabetta ha fondato una casa di accoglienza per donne, quasi 300 donne vi hanno ricevuto aiuto. Con la benedizione del padre spirituale della comunità, la suora Barbara si occupa della gestione della casa. Abbiamo parlato con la sorella per ricordare i primi anni di attività della casa e per vedere come tutto è cominciato.

centro di reinserimento suora ortodossa

Prima di tutto, era necessario sradicare le abitudini dannose, ci dice Suor Barbara. All'inizio, abbiamo cercato di convincere le donne a smettere di fumare. Poi, dopo la celebrazione della prima liturgia, padre Andrea ha detto: "Vi do una settimana per recuperare. Non si parla di alcol nella nostra casa".

Era permesso fumare solo all'esterno delle mura del centro di accoglienza. Non tutte queste donne volevano smettere di fumare. Scherzano sul fatto che se lo fanno, non ci sarà niente da dire in confessione.

Abbiamo donne nel centro che hanno quasi ottant'anni. Alcuni di loro fumano per tutta la loro vita cosciente. È difficile smettere. Se arriva una nuova persona che fuma, è una tentazione per gli altri. Una delle donne si è costretta a smettere per un anno e mezzo e alla fine, dopo molti tentativi, ha perseverato. Il suo modo di pensare è cambiato all'improvviso e ha qualcosa da confessare", dice suor Barbara.

All'inizio c'erano solo quattro donne nel centro di accoglienza del monastero che si trovavano in circostanze difficili nella loro vita. Più tardi, c'è stato un periodo in cui c'erano più di 40 donne che vivevano nel centro allo stesso tempo. Oggi il loro numero è arrivato a 30. Suor Barbara, che è lì dalla fondazione di questa casa di accoglienza, si prende cura, ispira, incoraggia, dà consigli e prega per queste donne.

ortodosso preghiera in centro alloggio

“Quando c'erano ancora poche donne qui, ho cercato di parlare con ognuna di loro individualmente”, dice la suora. La sera, venivo a chiederli a tacere per evitare l'ozio, spiegando loro che non potevano aiutarsi a vicenda con le conversazioni, ma che questo poteva portare solo a criticarsi a vicenda.

Dopo anni di vita accanto a donne svantaggiate, Suor Barbara ha notato che queste donne hanno difficoltà a riconoscere la loro infermità o dipendenza. Il pentimento deve venire dal cuore. Se i loro pensieri sono occupati dal lavoro, allora ci sono meno possibilità di tornare al modo di vivere di prima. Più queste donne si prendono cura degli altri, meno pensieri cattivi hanno.

È ancora più difficile lottare le cattive abitudini che hanno raggiunto la loro anima. Quando l'individuo non si fida più di nessuno e conta solo sulle proprie forze, è molto più difficile accettare di lavorare in una comunità che smettere di fumare. Una volta che la persona comincia a vedere questo centro come la sua casa, comincia a stare meglio. Ricevendo un modesto compenso per il loro lavoro, alcune donne lo dividono con il centro o comprano regali per tutte le sorelle che vivono lì.

Questa zona del monastero conosce anche storie felici di donne che creano le loro famiglie, trovano lavoro, si riuniscono con i loro figli.

fattoria conigli

Un bambino, Michele, ha vissuto qui per alcuni anni. Poco dopo la sua nascita si trovò nel Centro di Accoglienza con sua madre. Il bambino è stato affidato alla suora Barbara perché sua madre soffriva di un disturbo psicologico.

Tutti amavano il piccolo. Se una delle donne del centro era triste o turbata, parlare o giocare con il bambino poteva alleviare la sua condizione.

Michele ha ormai sette anni e mezzo. Vive con suo padre, ma gli manca molto questo posto. Viene alla fattoria di tanto in tanto, e vi trascorre anche le vacanze.

Oggi, tre bambini vivono lì con le loro madri e sono una gioia per i residenti del Centro. Una delle donne dopo il divorzio con il marito ha iniziato a bere. Due dei suoi figli più grandi sono stati messi in orfanotrofio, mentre il più piccolo è rimasto con lei. La bambina avrà tre anni. La madre si è abituata a questo nuovo posto e vuole riportare da lei i suoi figli più grandi. Un'altra donna, dopo che il marito l'ha abbandonata, ha dovuto lasciare la sua casa e rimanendo con due bambini, uno di quattro mesi e l'altro di quattro anni, è venuta al monastero per chiedere un rifugio. Dalla scorsa primavera, vivono al Centro. Abituandosi gradualmente alla nuova vita, le donne si stanno riprendendo e non devono più preoccuparsi dell'alloggio.

chiesa saint serge de radonezhie

La chiesa di legno dedicata a Sant Sergio di Radonezh si erge al centro del territorio della casa di accoglienza. Costruita sul sito della vecchia chiesa che era stata devastata da un incendio, questa nuova chiesa è quasi completata. La Divina Liturgia viene celebrata lì ogni martedì. All'inizio di agosto vi si è tenuto per la prima volta un matrimonio. Una coppia di un villaggio vicino desiderava consacrare la sua unione in questa chiesa.

La vita al Centro segue il suo corso: preghiera del mattino, colazione e lavoro. Il lavoro nella fattoria comprende varie attività come l'allevamento di tacchini, polli, capre. Queste donne fanno anche lavori di cucito realizzando vari oggetti con materiali che rimangono nel laboratorio di ricamo del monastero. Una delle novità del loro lavoro è l'imballaggio in tessuto per i prodotti in ceramica. Questa fattoria è anche il luogo dove è stato aperto il laboratorio per il confezionamento delle piante medicinali. Qui si fanno anche deliziose piccole torte con marmellata di albicocche, cavoli, patate, che si possono comprare nel negozio vicino al monastero. Qui si fanno anche i crauti e si affumica il pesce in una stanza allestita per questo scopo. Le donne preparano anche rami decorati per la festa della Domenica delle Palme. Il loro magazzino è in un vecchio rifugio antiaereo che era usato come cantina dove si coltivavano i funghi.

In inverno ci sono meno lavori domestici e Suor Barbara ha impiegato molto tempo per trovare un'occupazione per le donne. Così, si è ricordata della sua esperienza di cantare i canti di Natale in Polonia e ha deciso di fare lo stesso con le donne della casa di accoglienza. Da allora, ogni anno a gennaio, durante il periodo natalizio, vanno nei villaggi circostanti con i canti che annunciano e celebrano la venuta del Salvatore nel nostro mondo. Gli abitanti li accolgono calorosamente e con grande gioia e li ricompensano generosamente con dolci e altre delizie.

matrimonio chiesa ortodossa

Le donne che hanno soggiornato in questo rifugio una volta condividono le informazioni con altri. Per esempio, Suor Barbara riceve molte telefonate e lettere da donne che si sono trovate in una situazione disperata. Lei risponde con una buona parola, con un consiglio spirituale. Le è stato anche affidato il compito di accogliere le nuove arrivate. Dopo un incontro con la sorella, tutti saranno indirizzati a parlare con padre Andrea.

Molto spesso, gli storpi ci chiedono di rimanere nel centro, ma non abbiamo la possibilità di prenderci cura di loro, dice la sorella. Accettiamo solo coloro che desiderano lavorare e accettano di vivere secondo lo stile di vita del Centro di Accoglienza. Le donne che preferiscono bere alcolici, fumare e causare problemi agli altri sono invitate a trovare un'altra casa per loro.

Per non negare l'ospitalità ai disabili, abbiamo il sogno di organizzare qui un ospizio per gli anziani e gli infermi. In questo modo, ci si prenderebbe cura di loro e le donne parteciperebbero a questo lavoro. Un'altra idea è quella di creare un villaggio per bambini dove le madri che non hanno una casa o mezzi di sostentamento possano vivere con i loro figli.

Un grande desiderio della suora Barbara è quello di costruire case fuori dal Centro di Accoglienza, affinché gli abitanti possano stabilirsi, creare le loro famiglie e vivere nelle vicinanze del luogo dove hanno iniziato il cammino verso la nuova vita.

centro pasto alloggio per donne

Ascoltando le storie delle loro vite, ho sentito quanto sia difficile per queste donne rompere l'impasse e quanto dolore ci sia nelle loro anime. Allora, come fa suor Barbara a non perdere il coraggio e a mantenere la forza della sua anima?

Accetto tutto come volontà di Dio, ha detto. Quindi, ciò che è successo nella vita di ognuno di loro è avvenuto attraverso la Provvidenza. Cerco di non perdere la speranza ma, allo stesso tempo, di non gioire troppo. Sto cercando una via di mezzo. Spiego loro che tutto quello che succede ha una ragione.

Tuttavia, trovando che la vita calma e misurata del nostro Centro è difficile da sopportare, alcune donne vanno in "libertà", ma qualche tempo dopo ci scrivono lettere dalla prigione. A volte tornano anche avendo riconsiderato la loro vita. Chiunque decida di lasciarci è libero di andare. Li lasciamo alla volontà di Dio. Leggiamo il Salterio per ognuna di queste persone.

monastero fattoria vegetale

Trovandosi ventiquattro ore al giorno nella casa di accoglienza, suor Barbara condivide i suoi sogni:

A volte vorrei rimanere in silenzio, passare del tempo nella mia cella presso il monastero. Raramente ci dormo in inverno. Non appena inizio a leggere o a riposare dopo la liturgia, suona il telefono. È successo qualcosa e quindi devo rimandare il mio riposo.

Se vuoi apprezzare come tutto va bene a casa tua, vieni a visitare questa casa di accoglienza. Se volete rendervi conto di quanto siano brutte le cose a casa vostra, venite a visitare questo centro di accoglienza. Lì, su una superficie di nove ettari, i suoi trenta abitanti pregano, lavorano e si sforzano di tirare fuori la zizzania dalle loro anime.

Scritto di Lubov Lutsevich

Views: 32
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment