Ho avuto la benedizione dei miei genitori (parte 2)

20. luglio 2021

monastero di Santa Elisabetta

Madre Euphrosina, potrebbe raccontarci come è diventata una suora della misericordia e infine una monaca del monastero di Santa Elisabetta?

Lavoravo all'Istituto di Oncologia come assistente medico in sala operatoria. Il mio lavoro mi piaceva molto e stavo studiando per diventare infermiera. Un'infermiera dell'Istituto di Oncologia, che andava in chiesa, mi invitò a venire. Questo fu l'inizio della mio andare in chiesa.

La letteratura religiosa non era facilmente disponibile negli anni '90, quindi copiavo i testi di preghiera a mano. I miei primi libri religiosi furono Il mistero della fede dell'arcivescovo Ilarione (Alfeev), e gli scritti di San Silvano del monte Athos. Ho letto il libro su San Sergio di Radonezh in slavo ecclesiastico con poca difficoltà, come se avessi sempre conosciuto la lingua.

Ho ricevuto la comunione per la prima volta nel 1994, nella chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo. Ogni domenica, padre Andrea celebrava l'inno akatisto alla Santa Martire Reale Santa Elisabetta Romanov. In seguito, nella casa parrocchiale si tenevano riunioni di sorelle della misericordia. Mentre partecipavo all'akatisto, guardavo con ammirazione le sorelle della misericordia (che a quel punto erano una decina). Erano molto distinte dagli altri parrocchiani.

Dopo il primo incontro, dove ero stata invitata insieme a sorella Tatiana (ora suor Tamara), padre Andrea mi diede la benedizione per indossare il paramento delle sorelle della misericordia e mi disse che c'era un grande bisogno di infermiere nella casa di cura per le persone diversamente abili. Di conseguenza, ho iniziato il mio lavoro alla casa di cura. Visitavo anche i pazienti del reparto di narcologia. Avevo 26 anni allora.

I tuoi genitori sono credenti? Come hanno reagito alla sua scelta di vita?

In una delle sue lettere, mia madre mi scrisse: "Hai la nostra benedizione; tua madre e tuo padre ti sosterranno sempre". I miei genitori hanno accettato la mia scelta, anche se non erano religiosi.

madre Eufrosina

Madre Eufrosina

Per la provvidenza di Dio, Lei è stata messa a capo del monastero di alto profilo e molto conosciuto. Come ha detto la Madre Superiora del monastero di Diveevo Serghia (Konkova) in una delle sue interviste, essere nella sua posizione di Madre Superiora è una responsabilità. Ma essere la Madre Superiora del monastero di Diveevo è una responsabilità ancora più grande, una croce da portare. Considera allo stesso modo la sua posizione al monastero di Santa Elisabetta?

Dio ha scelto ciò che nel mondo è ignobile e disprezzato e ciò che è nulla per ridurre a nulla le cose che sono (1 Cor. 1, 28).

Posso solo dire che la mia è una posizione che richiede molta umiltà. Per me, essere la Madre Superiora è come indossare una camicia di forza; è anche una grande responsabilità. In questa posizione, uno vorrebbe stare tranquillo e mantenere un basso profilo. Come persona, mi rendo conto che sarebbe meglio se qualcun altro fosse in questa posizione, piuttosto che io. Ma Dio lo sa bene. A volte penso: "Sarò mai liberata da questa costrizione che tassa così tanto la mia umiltà? Quando verrà qualcun altro a sostituirmi?". (sorride).

Mi è stato detto che c'è stata un'altra Madre Superiora prima di lei. Non è rimasta in questa posizione per molto tempo?

In effetti, la prima Madre Superiora era la sorella maggiore della sorellanza laica delle sorelle della misericordia, e l'ho sostituita dopo circa un anno dalla fondazione del monastero, nel marzo 2000. La precedente Madre Superiora aspirava ad un posto tranquillo e appartato, ma non eravamo così all'inizio. Il monastero aveva diversi ospedali vicini e una casa di cura. Le sorelle li visitavano regolarmente e un gran numero di pazienti si avvicinava a noi per chiedere aiuto. La mia predecessora non voleva che le suore visitassero così tanto i pazienti. Alla fine, le sue aspirazioni sono state soddisfatte, e ora è una suora in un monastero tranquillo e appartato.

Per qualcuno come me, che è diventata monaca dopo essere stata sorella della misericordia, non era del tutto chiaro perché le monache dovrebbero stare lontane dall'aiutare i malati e parlare loro di Cristo. Alcune persone possono trovare troppo difficile avvicinarsi a un prete con le loro preoccupazioni e possono aprirsi più facilmente con una suora. La suora poi indirizzerà quella persona ad un sacerdote e spiegherà il significato della comunione e della confessione.

Per me, questo costituirebbe un lavoro missionario in pratica. Posso anche arrivare a chiamarlo ministero. Quando agiamo da soli, il Signore agisce attraverso di noi, per il bene del popolo, se capite cosa intendo. Le suore dicono che il Signore le ha fatte ispirate in molte occasioni mentre facevano la loro obbedienza e le ha aiutate a trovare le parole giuste per raggiungere il cuore della gente.

Madre Teresa, una sorella della misericordia e una santa canonizzata dalla fede cattolica era solita dire: "Sono solo una matita nelle mani del Signore". Prendo queste parole per significare questo: non sono gli altri che hanno bisogno di te, e non tu che aiuti gli altri; è il contrario - tu hai bisogno degli altri e gli altri ti aiutano. Non posso immaginare come sarebbe stata la mia vita se non avessi capito la verità di queste parole.

Come mi ha detto un monaco, la gioia della Pasqua non è completa se non si è visitato un paziente in un ospedale.

Esattamente. C'è un vero bisogno di condividere la propria gioia con qualcun altro. Per vivere una vita di gioia, bisogna imparare a non avere pietà per se stessi, e si sarà ricompensati dal Signore cento volte tanto. Bisogna essere consapevoli dei bisogni del prossimo ed essere capaci di condividere con lui. L'unico modo per conoscere la gioia è dare qualcosa all'altro.

coro monastico

Come ha detto prima nella sua intervista, Lei ha fatto la sua prima comunione a Pasqua. Secondo Lei, i monaci e i laici vivono la gioia della Pasqua in modo diverso?

Il significato della Pasqua è la transizione. Probabilmente non è possibile per nessun vivente - un monaco o un laico - sperimentare questa transizione nella sua giusta pienezza. Ma anche quando non si sente la gioia della Pasqua nel proprio cuore, il proprio spirito sarà comunque incoraggiato dalla buona notizia della Risurrezione.

Prendendo i voti, una persona muore per il mondo. Come si deve intendere questo quando un monaco sta facendo un'obbedienza secolare?

Morire per il mondo non dovrebbe essere inteso strettamente come un rifiuto del peccato, ma come un'ammissione del fatto che il monachesimo può assumere molte forme diverse. La nostra comprensione del monachesimo è spesso unilaterale e prevenuta; molti immaginano un monaco come qualcuno che non parla mai con nessuno, non sorride mai, vive una vita da recluso e guarda sempre in basso.

Si possono leggere molti libri e fornire una varietà di citazioni sul monachesimo, la maggior parte delle quali saranno prese fuori contesto. In verità, c'è sempre stata molta varietà nel monachesimo. Per esempio, i monaci Giuseppe di Volotsk e Nilo di Sora perseguivano entrambi ministeri totalmente diversi, ma condividevano un obiettivo comune; erano sempre in buoni rapporti e avevano un grande amore reciproco. Nel monastero fondato da San Teodosio il Grande, uno dei fondatori della tradizione dei monasteri cenobitici, c'erano tre ospedali e una chiesa per i malati di mente.

Se avessimo fondato il nostro monastero in qualche villaggio remoto o in mezzo a una foresta, avremmo praticato la preghiera noetica e semplici mestieri. Ma questo monastero è cresciuto in mezzo agli ospedali con un gran numero di pazienti bisognosi di amore e di cure.

Views: 29
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment