San Giovanni il Russo: proiettava l'amore di Dio sui suoi nemici

9. giugno 2022

San Giovanni il Russo

Oggi celebriamo la memoria di San Giovanni il Russo, grande martire e operatore di miracoli. Aveva solo 20 anni quando fu arruolato nell'esercito russo e andò in guerra con la Turchia durante il regno dello zar russo Pietro il Grande. Fu fatto prigioniero in una battaglia con i turchi.

Un ufficiale turco lo scelse come schiavo per badare al bestiame nella sua casa vicino a Prokopion, in Asia Minore. San Giovanni era uno dei tanti prigionieri di guerra ortodossi che rifiutavano di convertirsi all'Islam. L'ufficiale turco sottopose San Giovanni a un duro trattamento, privandolo di cibo e acqua. Promise anche di liberarlo e di assumerlo come suo servo se si fosse convertito. Tuttavia, nonostante il duro trattamento e le pressioni, Giovanni il Russo si rifiutò di apostatare.

Continuò a servire il suo padrone nella stalla del bestiame. Lì viveva, dormiva e mangiava. Lavorava tutto il giorno spalando il letame dalla stalla, mentre pregava incessantemente Gesù. Niente poteva separarlo dall'amore di Dio. Aveva Cristo nel cuore, indipendentemente da ciò che gli avrebbero fatto i suoi aguzzini.

Il Signore ascolta sempre le suppliche dei suoi figli prediletti, come ci insegna il Vangelo: " Se voi dunque che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele domandano!". (Matteo 7:11).

Il Signore lo dotò dei doni della sua grazia. San Giovanni si alzava presto ogni domenica per confessarsi e fare la comunione in segreto nella chiesa greca di Prokopion. Tuttavia, nessuno poteva rimproverargli di non svolgere bene i suoi compiti: era sempre obbediente e faceva il suo lavoro in buona fede.

Inoltre, tutti i membri della famiglia notarono che la loro vita e il loro benessere miglioravano con la sua presenza. Ciò avveniva grazie alla preghiera di San Giovanni per il suo padrone e la sua famiglia. Il suo padrone lo vedeva spesso pregare nel capanno. A poco a poco, l'ufficiale turco scoprì che il suo servo aveva il potere di fare miracoli, che Dio ascoltava le sue preghiere e che il Dio dei cristiani era grande. Chiese a San Giovanni il Russo di pregare per sé, per i suoi amici turchi e per le loro famiglie.

Quando Giovanni il Russo partì, decine di turchi vennero a rendergli l'ultimo saluto e ad ammirare la sua pietà, la sua rettitudine e la sua fedeltà al Dio cristiano. Proiettando l'amore di Dio sugli altri, ha permesso a molte persone di scoprire Cristo. La sua vita ha dimostrato la verità delle parole del nostro Salvatore: "Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli.". (Matteo 5, 16).

Padre Cipriano Negreanu

Fonte: Monastero della Trinità di San Sergio, stsl.ru

Visualizzazioni: 228
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment