Attingere l'acqua viva di nostro Signore

24. maggio 2022

La quinta domenica dopo la Pasqua accade una cosa incredibile. Il Creatore di tutte le cose, il Signore di tutti gli oceani e i mari, il Padrone di ogni goccia d'acqua, assetato dopo un lungo viaggio, chiede da bere a una semplice Samaritana. Egli sa che questa donna aveva avuto cinque mariti e che l'uomo con cui è attualmente non è suo marito. Il pozzo è profondo ed Egli non ha nulla per attingere l'acqua, ma se la Samaritana sapesse chi Egli è, gli chiederebbe l'acqua viva che dona la vita eterna.

Individualmente e collettivamente, la nostra sfida più ardua oggi è quella di fare delle scelte. Quali valori, idee e priorità consideriamo? Come ha giustamente osservato lo Schema –Archimandrita Raphael, «io sono il male quando scelgo diversamente dalla volontà di Dio».

Un uomo senza Dio è l'essere più miserabile dell'universo. È destinato per sempre a vagare senza scopo e senza meta nell'arido deserto della vita, senza una goccia d'acqua, con gli occhi pieni di sabbia rovente e il cuore che si sgretola come polvere secca. Una vita senza significato è soffocante, come scriveva Dostoevskij. Come consigliava l'Anziano Rafail, l'unico modo per trovare un senso alla nostra vita è quello di passare dal male al bene, dalle futilità al Signore. "Dobbiamo fare in modo che quando partiamo e ci trasferiamo nell’altro mondo, non vi arriviamo come neonati, ma come figli di Dio puri e maturi".

Il Signore ci chiama ancora, vagabondi nell'arido deserto della vita, ai suoi pozzi di acqua viva. Quest'acqua viva è la grazia dello Spirito Santo e chi la beve non avrà mai più sete. Il pozzo da cui sgorga quest'acqua è la Santa Chiesa di nostro Signore Gesù Cristo. Gesù ci dice dolcemente:  «Gesù levatosi in piedi esclamò ad alta voce: "Chi ha sete venga a me e beva"» (Gv  7,37).

La gente di Samaria supplicò Cristo di rimanere con loro più a lungo. Anche noi dobbiamo supplicare il Signore di non lasciare mai la città del nostro cuore. Il lungo viaggio della nostra vita si snoda attraverso un deserto roccioso. Non possiamo sperare di attraversarlo senza la sua acqua viva. Il Signore ci ricorda umilmente questa verità:  "Chiunque beve di quest'acqua avrà di nuovo sete, ma chi beve dell'acqua che io gli darò non avrà mai più sete" (Gv  4,13-14).

Igumeno Tikhon (Borisov) di Optina Pustyn

Visualizzazioni: 169
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment