Il nostro confessore

9. dicembre 2022

padre andrey

Il 13 dicembre è il giorno della memoria del santo apostolo Andrea il Primo Chiamato e l'onomastico del padre spirituale del nostro monastero, l'arciprete Andrea Lemeshonok. Molto prima della sua ordinazione sacerdotale, padre Andrea è stato un mentore spirituale per molte persone, guidandole all'ovile della Chiesa e aiutando la decisione di alcuni di perseguire il sacerdozio e persino il monachesimo. Una di queste persone è l'arciprete Viktor Belyakov, chierico della parrocchia dell'Intercessione a Minsk. Padre Viktor ha condiviso con noi la storia dell'incontro con il suo mentore spirituale che lo ha condotto nella Chiesa ortodossa.

Arciprete Viktor Belyakov

Arciprete Viktor Belyakov

"È successo nel 1983", ricorda padre Viktor. "I tempi sovietici erano difficili per la Chiesa. Anche se sono stato battezzato nell'Ortodossia, la mia esperienza nella chiesa si è limitata a diversi servizi pasquali. Il primo di loro mi ha fatto una grande impressione, facendomi subito desiderare di diventare un prete. Quando ho detto a mia madre di questo proposito, mi ha risposto con lieve ironia che non era un problema, visto che all'epoca non c'erano praticamente persone che volessero intraprendere questa strada.

Alcuni anni dopo, io e mia moglie Ludmila abbiamo avuto dei problemi con nostro figlio che non riuscivamo a spiegare. Dalla nascita, il bambino era irrequieto, piangeva incessantemente e non dormiva bene la notte. A quel tempo, ero appassionato di filosofia orientale e ho iniziato a cercare una soluzione al problema all'interno dei suoi vari insegnamenti. Ho pensato di trovare una specie di guru, ma mia moglie ha pensato che dovremmo invece cercare aiuto nella Chiesa. Ho accettato, perché a quel punto non faceva differenza: entrambe le sfere mi sembravano ugualmente misteriose.

Siamo andati in chiesa il Giorno della Vittoria. Dopo un pasto festivo, abbiamo deciso di fare una passeggiata, durante la quale abbiamo discusso del problema di nostro figlio. Ancora una volta mia moglie ha suggerito di cercare una risposta in chiesa e abbiamo deciso di andarci subito.

Si stava già facendo tardi e stava facendo buio quando abbiamo preso il tram per il centro città. Al nostro arrivo, la Cattedrale dello Spirito Santo di Minsk, era già chiusa. Abbiamo cominciato a bussare e abbiamo sentito una voce gentile da dietro la porta: "Ciao. Come posso aiutarvi? La chiesa è chiusa. Tornate domani". Era la voce del futuro sacerdote Andrea Lemeshonok, che a quel tempo prestava servizio come custode della cattedrale. Eravamo un po' confusi, perché eravamo sicuri che i sacerdoti abitassero proprio lì, nella chiesa. Quando abbiamo descritto brevemente il nostro problema, ci ha aperto le porte, nonostante tutti i divieti.

Poi siamo entrati in chiesa e gli abbiamo raccontato tutto della nostra disgrazia. Ci ha detto che la soluzione era semplice: dovevamo battezzare il bambino, sposarci in chiesa, iniziare a leggere il Vangelo, pregare Dio, andare in chiesa regolarmente e basta. Non avevamo la minima idea da dove cominciare. Quindi questo custode ci ha consigliato di venire tra una settimana per battezzare il bambino. Devo dire che già allora vedevo Cristo in quest'uomo.

Una settimana dopo, il nostro bambino ha ricevuto il Santo Battesimo, mentre noi abbiamo avuto la possibilità di conoscere meglio Andrea. Tra le altre cose, ci ha detto: “Sai, sei molto fortunato. Abbiamo un Vangelo che puoi comprare. È una tale rarità!” Il prezzo era di 40 rubli, quasi la metà di un salario mensile medio in epoca sovietica. Tuttavia, con grande gioia abbiamo acquistato il nostro primo Vangelo che è diventato per noi un inestimabile tesoro spirituale.

padre andrey archivio

padre andrey archivio foto

archivio padre andrey lemeshonok

Una settimana dopo, io e mia moglie ci siamo sposati in chiesa. Mi ha fatto una grande impressione. Sono stato piacevolmente sorpreso dal fatto che estranei si siano congratulati con noi come se fossimo parenti. Quel giorno, Andrea Lemeshonok ci ha regalato un'icona di cartone e presto ho ricevuto anche il mio primo libro di preghiere.

Nel tempo, la nostra amicizia con il futuro padre Andrea si è rafforzata. Abbiamo iniziato a venire a casa sua. Lì ci siamo trovati in un nuovo ambiente pieno di grazia. Eravamo circondati da icone e vecchi libri. Con il mio amore per la lettura, mi sentivo come se fossimo in paradiso. A quel tempo, le chiese avevano molti meno libri di adesso. Ogni volta che andavo a trovare Andrea, partivo con una borsa piena di libri che erano per me una fonte inesauribile di conoscenza. Li leggevo in una settimana e tornavo per saperne di più.

Devo dire che non sono stato l'unico a venire a visitare il futuro sacerdote. Andrea era conosciuto e rispettato come conoscitore di musica, letteratura e semplicemente come un uomo con un'anima aperta. Molti giovani venivano da lui, compresi gli ex hippy. Essendo cresciuto in quella cultura, Andrea la conosceva bene, quindi lo ascoltavano. Era attento a tutti e non giudicava mai nessuno. Ascoltava il tuo problema e ti dava un libro dove avresti potuto trovare le risposte a tutte le tue domande. Potrei dire che vedeva l'immagine di Dio in ogni persona, quindi non era sorprendente che molte persone potessero vedere Dio in lui.

Nel 1985, Andrea mi disse che c'era un posto vacante per un posto come sagrestano della cattedrale. Dopo averne discusso con mia moglie, ho deciso di accettare quel lavoro. Il rettore della Cattedrale ha avuto con me un lungo colloquio. Sono dovuto tornare da lui diverse volte. A quel tempo lavoravo nello stabilimento di motociclette di Minsk e quando ho scritto una lettera di dimissioni, il mio capo non mi ha trattenuto. Al contrario, ha detto che rispettava la mia scelta.

padre andrey lemeshonok archivio foto

Così, ho iniziato i miei doveri di sagrestano. La nostra amicizia con il futuro padre Andrea è continuata.

Dopo l'ordinazione, i suoi doveri sono aumentati, ma ha sempre trovato e trova ancora tempo per coloro che hanno bisogno dei suoi consigli.

Nel corso del tempo, padre Andrea stava diventando sempre più impegnato. Oggi, la mia unica opportunità di comunicare da vicino con lui è durante la confessione del clero e durante i nostri viaggi congiunti all'isola di Zalit che intraprendiamo ogni anno. Sin da quando ho conosciuto padre Andrea, egli andava sempre a trovare l'anziano Nikolaj Guryanov sull'isola. Diceva sempre che saremmo dovuti andare insieme qualche volta, ma non è successo fino a dopo la morte dell'Anziano. Poi ho saputo che ogni anno padre Andrea visitava l'isola di Zalit per la Radonitsa e lì serviva una panikhida (ufficio funebre, ndr) presso la tomba di padre Nikolaj. Questa tradizione è stata adottata dalla nostra parrocchia dell'Intercessione, quindi ora andiamo anche per la Radonitsa. Questo viaggio è la mia opportunità annuale per comunicare più da vicino con il mio mentore spirituale, ricordando il passato e condividendo piani per il futuro. È difficile immaginare come sarebbe la mia vita oggi se non avessi incontrato questa persona speciale molti anni fa. Probabilmente non sarei mai diventato sacerdote, e forse non sarei affatto arrivato a Dio... E che cos'è la vita senza Dio?

Visualizzazioni: 107
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment