Il nostro servizio dà alle persone forza e speranza

4. agosto 2021

sorella della misericordia Xenia

Ksenia Verbitskaya è una sorella della misericordia del Monastero di Santa Elisabetta. È stata con noi fin dall'inizio della fondazione della nostra sorellanza. Insieme a padre Andrea Lemeshonok, ora nostro padre spirituale, visitava i pazienti del reparto oncologico della clinica cittadina n. 2 di Minsk. L'abbiamo intervistata sull'esperienza del suo ministero e sul suo scopo e significato.

Lei è stata tra le prime sorelle di misericordia coinvolte nel nostro servizio tra i pazienti dell'ospedale. Secondo Lei, qual è lo scopo, il significato e la importanza di questo servizio?

Abbiamo iniziato il nostro servizio tra i malati di cancro degli ospedali di Minsk. A quel tempo, tutti consideravano il cancro una condanna a morte; le pratiche mediche non erano così avanzate come sono adesso, e la gente si sentiva come se fosse con le spalle al muro. Le persone che aiutavamo erano disperate e il nostro obiettivo era quello di portarle a fare un passo verso Dio e la salvezza delle loro anime.

Sono venuta alla sorellanza di Santa Elisabetta dalla sorellanza dell'Episcopato di Minsk dell'Esarcato bielorusso, attiva dalla fine degli anni '80. Svolgevo le mie obbedienze nel centro oncologico pediatrico di Borovlyany, un sobborgo di Minsk. A quel tempo, persone da tutta l'Unione Sovietica venivano lì per farsi curare. Venivano intere famiglie, marito, moglie e figli. Il dormitorio per i genitori era presso l'Accademia Politecnica. Insieme alle altre sorelle, portavamo frutta per i bambini, libri da colorare su temi biblici; organizzavamo feste e celebrazioni, leggevamo ai bambini estratti dalla Bibbia dei bambini. Non era qualcosa che durava molte ore; volevamo solo portare un po' di distrazione, per distogliere la loro attenzione dalla loro malattia. Quando venni a lavorare nel reparto oncologico femminile della Clinica cittadina n. 2, percepii anche una diffusa disperazione e mancanza di speranza tra le pazienti e il loro grande bisogno insoddisfatto di sostegno spirituale. La venuta delle sorelle e dei sacerdoti ha fatto una grande differenza positiva. Eravamo lì per i pazienti ed eravamo insieme a Dio. Anche una breve preghiera era sufficiente per darci la forza di confortare ogni paziente e trovare le parole giuste per loro. I sacerdoti venivano ad ascoltare le loro confessioni e a dare la Comunione ai pazienti, ma era come se Dio stesso fosse con loro. La speranza è tornata per molti e la disperazione se n'è andata. Alcuni hanno ricevuto una nuova vita dal Signore.

riunione sorellanza

Il mio servizio all'ospedale era pieno di miracoli. L'amministrazione dell'ospedale aveva emanato regole severe sulle visite, e dovevamo essere fuori dai reparti entro le 8.30. Arrivavamo alle sei e visitavamo fino a venti reparti, e a volte padre Andrea era l'unico sacerdote con noi. Il Signore ci dava il tempo di comunicare con tutti i pazienti, compresi i molto malati e i moribondi. A volte, un paziente che giaceva incosciente si girava quando padre Andrea entrava, apriva gli occhi e si confessava, e consegnava la sua vita alla volontà del Signore.

Oltre all'ospedale, Lei ha compiuto obbedienze anche in altri luoghi dei servizi del Monastero. Come portava il messaggio di speranza e l'amore di Dio in questi ministeri?

Quando le circostanze della mia vita sono cambiate, ho dovuto lasciare la mia obbedienza alla seconda clinica e ne ho accettate altre. Ho lavorato al negozietto monastico e al laboratorio di erbe. A volte, le persone non riuscivano a togliersi il peso del calore durante la loro confessione con uno dei sacerdoti, così le sorelle della misericordia diventavano i loro ascoltatori comprensivi, portando conforto, rassicurazione e fiducia che una soluzione alle loro difficoltà di vita era a portata di mano. Spesso ho sentito dire dalla gente: "Appena entrate, subito ci sentiamo rassicurati quando vediamo che voi siete lì e pronti a condividere con noi la vostra gentilezza e generosità".

sorella-della-misericordia Xenia Verbitskaya in obbedienza

Portare avanti il proprio ministero richiede spesso un enorme sforzo dell'anima e del cuore. Come è possibile non soccombere alle proprie debolezze, cadere nella disperazione, e mantenere il senso di vicinanza e di comunità tra le sorelle?

Per me, le sorelle sono i miei spiriti affini. Non c'è bisogno di lunghe spiegazioni - capiranno prima che tu cominci a parlare, e con il tempo la vicinanza tra noi non fa che crescere. Le nostre infermità, debolezze e disperazione possono a volte diminuire la nostra fiducia nel Signore, ma lavoriamo duramente per evitare che questo accada.

La preghiera è la nostra arma più importante. Ogni nostro giorno inizia con la preghiera di Gesù. Il Signore riempie le nostre forze e ci aiuta a mettere in prospettiva le difficoltà che tutti noi potremmo avere. Preghiamo anche insieme per i bisognosi, i malati e gli informatori. Alcuni mesi fa, abbiamo pregato per un bambino malato la cui nonna è venuta a trovarci al negozietto monastico. Gli era stata diagnosticata una forma avanzata di cancro al sangue quando aveva due anni. I medici erano diffidenti nel fare un intervento chirurgico. Credevano che le sue possibilità di sopravvivere fossero troppo basse. Il Signore ascoltò le nostre preghiere e rispose con la Sua infinita misericordia. Il bambino fu operato e l'operazione andò bene. Sua nonna ci ha detto che le sue ciglia hanno cominciato a ricrescere. Sentire la buona notizia del bambino è stata una grande gioia per noi. Il Signore è vicino, sente le nostre preghiere e ascolta le nostre suppliche.

terapia occupazionale

Alcuni dei nostri lettori stanno ancora cercando Dio e il senso della loro vita. Cosa potresti condividere con loro?

Il mio servizio tra i malati di cancro nella seconda clinica mi ha fatto capire la brevità del tempo. Di tutti i nostri obiettivi e aspirazioni, dobbiamo perseguire quelli più importanti. Ecco cosa dico sia ai bambini che agli adulti: "Guardatevi dallo sprecare il vostro tempo e i vostri sforzi per piccole cose. Non perdete il sonno per ogni problema; il tempo si occuperà della maggior parte di problemi. Mirate alle cose più importanti; seguite il vostro obiettivo e acquistate potere sulle circostanze della vostra vita. Il Signore sta raggiungendo il cuore di ogni uomo e di ogni donna, sperando sempre in una risposta. Ci mostra l'alternativa - una vita in cui non c'è posto per la disperazione".

Views: 20
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment