Laboratorio di lavorazione dei metalli non ferrosi

29. luglio 2021

metalmeccanico

Alla porta del laboratorio di lavorazione dei metalli non ferrosi, siamo stati accolti dal rumore dei macchinari e abbiamo visto gli sguardi concentrati delle persone che lavoravano duramente e non sembravano prestare attenzione ai nuovi arrivati. Sono venuto qui per osservare con i miei occhi tutte le belle cose che si potevano fare con un pezzo di metallo e per sapere cosa significa lavorare con ispirazione.

"Alcune delle tecniche che usiamo esistono dal XVII e XVIII secolo", dice Ivan, il responsabile della produzione e vice direttore del laboratorio, mentre inizia la nostra visita. "La galvanoplastica, per esempio, è stata inventata più di 200 anni fa dal fisico e inventore Boris Jakobi. Le sculture sugli archi, sulla cupola e sull'iconostasi della cattedrale di Sant'Isacco a San Pietroburgo sono state realizzate con questa tecnica. La tecnica delle filigrane esiste dal VI secolo; divenne nota in Russia intorno al X secolo e raggiunse il suo massimo splendore tra il XV e il XVII secolo".

Ivan ha cominciato a lavorare qui nel 2011 e si è fatto strada da apprendista a maestro. Oggi è il punto di riferimento per tutte le questioni relative alla produzione.

candeliere di metallo

"Il mio primo lavoro qui è stato quello di tagliare le lamiere di metallo galvanizzato", dice Ivan. "Venivo la mattina, prendevo la smerigliatrice a disco e tagliavo tutto il giorno. All'ora di pranzo, tenevo l'attrezzo contro la pancia per non farmi tremare le mani, e all'ora di chiusura le mie dita erano tutte intorpidite".

All'inizio della carriera di Ivan nel laboratorio, i processi di produzione erano in uno stato di cambiamento. Le persone erano all'inizio della loro curva di apprendimento e si adattavano e perfezionavano continuamente le loro tecniche.

"Il cambiamento più importante è stato l'unione della squadra. Venivamo da ambienti diversi. Andrea era un modellista e un ex operaio edile, Paolo lavorava in un'ambulanza, Andrea era massaggiatore ed io facevo lo psicologo. Ma tutti noi abbiamo trovato la nostra vocazione qui al laboratorio. Senza questo nucleo di persone chiave, non ci sarebbe altra scelta che ricostruire la produzione da zero. Questa è una squadra che è rimasta unita per ben sette anni. Le persone che vengono qui solo per fare il loro lavoro probabilmente non ci resteranno a lungo. Quelli che rimangono sono persone che una volta erano venute per chiedere un aiuto, e una volta aiutate, e grate per l'aiuto, cercano di lasciare una parte di sé in ogni loro lavoro. Questo è più di un lavoro. È la vita".

icone officina metallo

Le persone del laboratorio lavorano costantemente per ampliare la gamma di prodotti, che ora comprende articoli diversi come tabernacoli, arcate, coperture per il Vangelo, croci, portacandele, croci e lampade per icone. C'è un grande gusto per l'innovazione. Solo recentemente, sono stati lanciati diversi nuovi prodotti: piccoli lampadari e portacandele per la preghiera domestica, portachiavi e icone per auto.

"Come artista, sono contrario alla routine e sono sempre desideroso di creare qualcosa di nuovo. Nonostante la nostra forte attenzione alla chiesa, c'è sempre l'opportunità di aggiungere un tocco personale. Mi piace lavorare con materiali naturali, come il legno, l'argilla e la chamotte. Ho avuto l'idea di usarli insieme al metallo freddo. Il risultato è stato una serie di lampade da chiesa e incensieri di forma squisita".

In quest'epoca di tecnologia, la gente è ancora attratta in un modo o nell'altro dalle cose naturali e fatte a mano. Tutti i prodotti realizzati qui sono fatti a mano. Qualsiasi oggetto prodotto in serie, per quanto bello, sarà comunque diverso da un prodotto fatto a mano.

icona officina metallo metal

Olga, la collega di Ivan, si unisce alla conversazione. "Lavorare qui è stata un'esperienza straordinaria. Apprezzo l'opportunità che ho qui di realizzare il mio potenziale, la fiducia che ho dal mio supervisore e dai colleghi. Questo è qualcosa che apprezzo molto", dice Olga.

Per molti aspetti, il lavoro al laboratorio ruota intorno alla fede. Molti di coloro che sono entrati nella squadra come non credenti e laici sono diventati forti credenti; partecipano regolarmente ai Santi Sacramenti e alla vita della chiesa. Olga ne è un esempio.

"Qui ho sviluppato una comprensione della fede. Sento che non sarei stata in grado di rispondere a molte sfide nella mia vita se non avessi lavorato qui, come trovare un lavoro, lavorare al massimo delle mie capacità e trovare il sostegno degli altri esseri umani. Spero che possiamo mantenere lo spirito di generosità, gentilezza e pazienza gli uni verso gli altri, che non ci allontaniamo gli uni dagli altri ma cerchiamo di incontrarli a metà strada".

"Qui la mia vita ha trovato un nuovo sifnificato, che ora è al centro di ciò che faccio. Lavorando al monastero e facendo prodotti liturgici, ho diretto tutta la mia vita a cambiare i miei atteggiamenti interiori. Se non riesco a farlo, le persone intorno a me soffriranno, e non posso permettere che questo accada. Il cambiamento interiore non può avvenire senza l'aiuto di Dio, ma questo non mi esime dalla necessità di lavorarci duramente. Le mie obbedienze nel laboratorio, nel coro e nell'altare fanno parte di questo lavoro.

Come si dice il filo si spezza dove è più debole, come si dice. Questo è particolarmente vero al monastero. Il nemico non cercherà di sfondare un muro di mattoni o di reinventare la ruota. Colpirà sempre nei vostri punti più deboli. Se hai difficoltà a vincere la tua delusione, sarai tentato di affrontare le delusioni più e più volte; se hai l'abitudine di spettegolare e giudicare, sarai tentato di farlo più e più volte.

Resistere alla tentazione richiede molta pazienza e sforzo. Il duro lavoro dello spirito. Non c'è alternativa. State facendo obbedienza. La gente viene in un monastero per cambiare se stessa, per sviluppare l'umiltà e per vivere in pace con se stessa. Ma molte persone si aspettano anche umiltà dalle monache senza essere preparate ad essere umili loro stesse. "Sono venuta. Trattami bene. Sii una santa. E pagatemi un grande stipendio", direbbero. Ma la gente viene al monastero per lavorare per Dio. Padre Andrea Lemeshonok ama citare le parole dell'apostolo Pavel: "Dai il sangue, prendi lo spirito". Qui, questo è il principio che funziona".

suora yevgenia

Suor Eugenia ha molto da dire sulla lotta spirituale, sull'importanza della preghiera e dei sacramenti della chiesa.

"Durante il mio primo anno qui, ho insistito affinché tutti partecipassero alla preghiera del giovedì", dice suor Eugenia. "Ma mi sono presto resa conto che la fede non può mai essere imposta. Nessuno può essere portato in cielo contro la sua volontà. È una questione di responsabilità individuale e di comprensione per apprezzare la necessità della preghiera, della confessione e della Santa Comunione per combattere la battaglia spirituale che è in corso ogni giorno del tuo lavoro al monastero. Il nemico è letteralmente alle vostre spalle. Stiamo facendo oggetti liturgici per l'altare - il nemico non starà semplicemente seduto e non vi lascerà lavorare tranquillamente".

Ogni giorno nel laboratorio inizia con una preghiera: la regola della preghiera del mattino, letture dalla Sacra Scrittura e dall'Apostolo, dieci preghiere di Gesù e una preghiera per l'unità da Starets Sofronio (Sakharov). All'ora di pranzo, vengono letti gli akatisti a diversi santi, tra cui San Giovanni, Vescovo di Shanghai, San Giorgio (il laboratorio conserva una parte delle reliquie del santo), San Spiridione, vescovo di Trimito, e San Nicola. L'Akatisto all'Icona della Santa Madre di Dio "Calice Inesauribile" viene letto in più occasioni per fornire supporto spirituale e pregare per la protezione della Madre di Dio per chi soffre di dipendenze da alcool e droga.

È interessante notare che anche la vacanza annuale è in un gruppo. Ogni anno, suor Eugenia organizza pellegrinaggi per i lavoratori e le loro famiglie che durano diversi giorni. Hanno già visitato il monastero delle Grotte di Pskov, il monastero di San Nicandro, le isole Solovki e Valaam. Secondo Suor Eugenia, le visite costruiscono la coesione tra i lavoratori della squadra rafforzano il loro spirito.

suora yevgenia con team

Oggi il laboratorio impiega 15 persone. Recentemente si sono aggiunti alcuni giovani diplomati della scuola professionale di gioielleria. Alla domanda sugli obiettivi futuri del laboratorio, suor Eugenia risponde, con un sorriso:

"Cercate la pace dentro di voi, e migliaia saranno salvati intorno a voi". Desidero che tutti noi siamo tenuti insieme dallo spirito di unità e che non ci giudichiamo a vicenda. La coordinazione e il sostegno reciproco sono essenziali quando si fanno oggetti liturgici. Sono anche molto difficili da mantenere, poiché il nemico è pronto a distrarci e a portarci fuori strada. Chiunque lavori nel monastero dovrebbe sfidare se stesso a continuare a crescere, continuamente e senza sosta. Nella vita spirituale, non ci si può permettere di essere bloccati nel proprio progresso in nessuna fase. Bisogna essere vigili ed esigenti con se stessi; non bisogna mai perdere di vista chi si sta servendo e perché. Qualsiasi obbedienza sarà una sfida per fare una scoperta su noi stessi e per cambiare i nostri modi. Bisogna avere uno spirito vigile e una forte connessione con Dio per essere in grado di notare e sentire per il prossimo".

Views: 35
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment