Le donne mirofore, nostri modelli di amore e fedeltà a Cristo

13. maggio 2022

le donne mirofore ikone

La terza domenica dopo Pasqua, la Chiesa commemora le Sante donne portatrici di mirra. Sono rimaste fedeli a Cristo fino alla fine. Nulla poteva dissuaderle, nemmeno la morte. Cristo morì, ma il loro amore per Lui divenne più forte. Il Vangelo dice poco di queste donne gloriose. Eppure rende chiaro che erano modelli di amore e fedeltà. "Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala". (Giovanni 19:25). Allora tutti i discepoli, abbandonatolo, fuggirono. (Matteo 26:56). L'apostolo Pietro Lo rinnegò tre volte. Giuda Lo tradì. Nel giardino del Getsemani, gli apostoli si addormentarono. Sulla croce, l'amore e la fedeltà furono messi definitivamente alla prova.

Le donne mirofore rimasero sotto la croce per amore. Non fuggirono né si nascosero: non si fugge né ci si nasconde dal sole. Non si sottrassero. "Il mondo si è capovolto: la metà più debole è diventata la metà più coraggiosa", esclamò il venerabile Giovanni Crisostomo.

Cristo non aveva rivelato loro i misteri della sua morte e risurrezione come aveva fatto con gli apostoli. Eppure nei loro cuori sapevano che Cristo sulla croce era la Verità crocifissa che avrebbe trionfato sulla morte. Poi, alla fine del sabato questi partirono nel buio per ungere il corpo del loro Maestro. Esse furono le prime a vedere il Cristo risorto e a sentire da Lui le parole che rappresentano l'essenza della fede cristiana: "Rallegratevi! Siate sempre allegri. Non cessate mai di pregare. In ogni cosa rendete grazie…" (1 Tessalonicesi 5:16-18).

Nel nostro tempo, abbiamo bisogno di questi esempi di amore, devozione e lealtà più che mai nella nostra storia. Il nostro mondo è disperatamente a corto di queste virtù. Come scrisse padre Sofronio (Sacharov), siamo tutti in mezzo a un oceano pieno di ghiaccio, in un mondo che non prega più; e se non riusciamo a mantenere il nostro cuore in fiamme per sconfiggere il freddo estremo, periremo insieme a questo mondo.

Il nostro mondo è diventato un luogo freddo, quindi dobbiamo mantenere i nostri cuori ardenti e non permettere che si raffreddino. Il venerabile Giovanni di Kronshtadt ha scritto: "Con la grazia del Signore risorto, un cristiano vive risorgendo nel cuore; diventa vivo nello spirito; per mezzo dello Spirito di Dio, riceve la beata speranza della vita eterna alla fine dei tempi."

Queste righe ci rimandano al nucleo e all'essenza del nostro fare spirituale - la risurrezione del nostro cuore per vivere nello spirito mentre siamo ancora su questa terra.

Venire alla vita è un lavoro duro, ed è molto più facile rimanere morti. Rifiutare la vita è più comodo e pratico. Rifiutiamo la vita, e non abbiamo bisogno di perseguire nobili obiettivi o cercare la grazia dello spirito. Scegliamo di esistere tra il divano e la televisione, la cucina e Internet. Alcuni riempiranno ogni minuto delle loro giornate con compiti fasulli, seccature e ricerca di illusioni mondane. Si terranno sempre occupati, ma invano.

Le civiltà sono andate e venute. Le mode, i gusti e le ideologie si sono succedute. Eppure l'amore, la fedeltà e la devozione a Cristo non hanno mai perso la loro gloria e il loro valore. Come le donne di un tempo che portavano la mirra, le donne russe che frequentano la chiesa con il fazzoletto bianco hanno pregato per la protezione dei loro connazionali nei momenti più disperati della loro storia.

Nelle nostre ore più buie, quando il peso dei nostri dolori e delle tentazioni sembra troppo duro da sopportare, chiediamo al Signore la forza di mantenere il nostro amore, la fedeltà e la devozione alle nostre famiglie, alle case, alla Chiesa e a Cristo. Che tutti noi possiamo avere la saggezza di vedere il significato in tutte le cose.

Igumeno Tikhon (Borisov) di Optina Pustyn

Visualizzazioni: 82
Ratings: 3/5
Votes: 1
Scopri di più
Comment