Le prove e le gioie delle settimane quaresimali

20. aprile 2022

Le prove e le gioie delle settimane quaresimali

Stiamo attraversando la Grande Quaresima. Come hanno scritto i Santi Padri, diamo la decima a nostro Signore donandogli il nostro tempo e i nostri pensieri. Come nessun altro periodo dell'anno, le settimane quaresimali si distinguono per la loro pienezza, intensità e profondità di sentimento religioso. Sono il nostro viaggio di ritorno a Dio e a noi stessi. Ciò che conta non è quanti chilometri abbiamo percorso, ma i giorni, le ore e i minuti che abbiamo trascorso in chiesa, perché la Quaresima non è un viaggio nello spazio ma un esercizio di introspezione, l'avventura della scoperta di sé.

In questo viaggio, la preghiera riempie i nostri cuori e le nostre menti come un flusso abbondante che ci purifica da tutte le cose impure.

Non è un viaggio facile. Stare in piedi durante le funzioni religiose per sei o sette ore è fisicamente estenuante : la carne si ribella alle lunghe ore in piedi, la schiena e le membra ci fanno male, abbiamo sete e vogliamo dormire ; ed è ancora più difficile rimanere vigili e prestare attenzione alla dolce lettura delle Scritture e ai Salmi, ispirati da Dio, del re Davide.

Non possiamo apprezzare immediatamente l'indicibile bellezza e potenza del servizio quaresimale.

Ci vuole tempo.

Ma c'è anche qualcos'altro: un senso di gioia insondabile, una misteriosa sensazione di leggerezza e appagamento dello Spirito che arriva dolcemente e silenziosamente : « il Signore è lo Spirito, un vento leggero ». (1 Re 19:12). Egli sparge il Suo Spirito in abbondanza su tutti i Suoi fedeli che si sforzano e resistono. Potremmo non averlo sempre, e potremmo dover aspettare fino all'undicesima ora prima che scenda su di noi. Ma lo Spirito Santo sarà con coloro che vengono in chiesa, prestano attenzione alle letture e agli inni, cantano lodi e innalzano preghiere al Signore, e glorificano i suoi Santi e gli Angeli invisibilmente presenti in mezzo a loro.

La Grande Quaresima è un periodo eccezionale nella vita del nostro monastero.

In questo periodo, le nostre suore prendono la tonsura al ryasophore e al mantello : per le suore, la tonsura è una benedizione del Signore e chiunque abbia partecipato al Sacramento della tonsura, converrà che questi momenti sono indimenticabili. Moriamo per le nostre vecchie vite e rinasciamo con un nuovo nome ad una nuova vita. D'ora in poi, la vita di ogni sorella monastica appartiene solo a Dio; essa si abbandona volontariamente all'abbraccio di nostro Signore. Per tradizione, le suore appena tonsurate passano diversi giorni e notti in chiesa.

Chi potrebbe mai sapere cosa succede nel cuore di una nuova monaca durante quei giorni?

È un segreto noto a lei e al Signore ma una cosa è certa: la tonsura ci cambia dall'interno e ci trasforma nel profondo.

In una delle sue visite al monastero di Žirovici in Bielorussia, il metropolita Antonio di Surož si è espresso sui monaci e sul monachesimo, dicendo: «Come scrisse il vescovo Teofano il Recluso in una delle sue opere, solo due cose esistono per i monaci: Cristo e la loro anima immortale.

I monaci hanno conosciuto Dio e lo hanno amato così tanto che tutte le altre cose di questo mondo non hanno importanza. Cristo sta al di sopra di tutto nella vita. Ma questo non rende un monaco freddo o indifferente alle creazioni di Dio, specialmente agli altri esseri umani.

Ispirati da questi monaci, mettiamo da parte le cose di questo mondo per amore di nostro Signore. Torneremo sulla terra solo con Lui, proiettando il suo amore infinito e perfetto su tutte le sue creature. Ma questa via dell'amore è lunga e difficile.»

Queste settimane quaresimali sono anche per noi tempi di prova e dobbiamo essere abbastanza forti da sopportare il nostro cammino di abnegazione e autolimitazione. « Eppure chi semina con le lacrime raccoglierà con canti di gioia » (Salmi 126, 5).

I nostri cuori sono sempre in fiamme : più di due millenni fa, le sante donne portatrici di mirra arrivarono di giorno alla tomba di Gesù e udirono da un Angelo la buona notizia: «Cristo è risorto!». Queste parole risuonano ancora nei nostri cuori e noi rispondiamo con la stessa gioia: «Veramente è risorto».

Di Suor Olga (Velikaya)

Visualizzazioni: 107
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment