Nella nostra lotta spirituale siamo guerrieri di Cristo

22. aprile 2022

Cristo ha invocato tutti i cristiani a vivere nel mondo senza essere del mondo. Essi stabilirono alti standard di pietà e attirarono molti alla fede presentando loro esempi di vita devota, come guerrieri in una lotta spirituale contro il nostro nemico interiore. Gli imperi crollavano, rivoluzioni e pestilenze cambiavano il corso della storia umana. In mezzo alla disperazione comune, molti cristiani adottarono un modello di vita cristiana ancora più alto, promettendo a Dio di vivere nel celibato, nella preghiera, nell'obbedienza, nella povertà e nel digiuno, in un eremo o in comunità chiamate monasteri. Nel nostro tempo questa tradizione è ancora viva.

Nelle ultime settimane della Grande Quaresima, madre Eufrosina, Superiora del monastero di Santa Elisabetta, è stata intervistata dalla televisione bielorussa sul significato del monachesimo e della vita monastica nel nostro tempo. Come si diventa monaci? In che modo il monastero di Santa Elisabetta è diverso dagli altri monasteri? Cosa significano per noi oggi gli antichi voti monastici? Queste sono state alcune delle domande poste in discussione.

L'intervista ha avuto luogo pochi giorni prima del compleanno di madre Eufrosina, e noi tutti ci uniamo nel farle tantissimi auguri di buon compleanno!

Cristo ha invitato tutti i cristiani a vivere nel mondo senza essere del mondo. Essi stabilirono alti standard di pietà e attirarono molti alla fede presentando loro esempi di vita pia, come guerrieri in una lotta spirituale contro il nostro nemico interiore. Gli imperi crollarono. Rivoluzioni e pestilenze cambiarono il corso della storia umana. In mezzo alla disperazione diffusa, molti cristiani si imposero uno standard di vita cristiana ancora più alto, promettendo a Dio di vivere nel celibato, nella preghiera, nell'obbedienza, nella povertà e nel digiuno, in un eremo o in comunità chiamate monasteri. Nel nostro tempo, questa tradizione è ancora viva.

Nelle ultime settimane della Grande Quaresima, Madre Eufrosine, la Madre Superiora del Convento di Santa Elisabetta, è stata intervistata dalla televisione bielorussa sul significato del monachesimo e della vita monastica nel nostro tempo. Come si diventa monaci? In che modo il convento di Santa Elisabetta è diverso dagli altri monasteri? Cosa significano per noi oggi gli antichi voti monastici? Queste sono state alcune delle domande discusse.

L'intervista ha luogo pochi giorni prima del compleanno di Madre Eufrosine, e noi tutti ci uniamo nell'augurarle un buon compleanno e molti anni di vita.

Transcription

Al giorno d'oggi, in un mondo che strumentalizza il corpo femminile, incoraggia le persone a prendersi le proprie libertà ed elogia la parità dei sessi, queste donne in abito nero, guardinghe e circospette, possono sembrare di essere venute da un altro pianeta. Sono monache, spose di Cristo, donne che hanno fatto voto di trascorrere la loro vita in clausura, celibato, obbedienza e preghiera, e continuano a sorprendere il mondo con le loro scelte di vita. Ogni tanto, un uomo o una donna secolare si chiede: "Perché lo fanno? Cosa le ha spinte a rinunciare alla felicità della vita familiare, dell'essere madre, e ad altre gioie della femminilità?". Alcuni credono che le persone vengano in un monastero dopo qualche dramma personale. Altri vedono i monaci come disadattati che non riescono a trovare il loro posto nel mondo. Alcuni arrivano persino a condannare i monaci perché cercano di nascondersi dietro le mura monastiche dalle difficoltà della vita. Solo poche persone tendono a pensare che queste donne sono motivate dal loro sentito desiderio di servire Dio, senza paure o riserve, in piena coscienza e con l'amore nel cuore. Sono stati scritti volumi sul monachesimo, sulle sue origini e radici e sulle attrattive di questo stile di vita.

L'ospite della nostra trasmissione "Il potere della fede" è madre Eufrosina, Superiora del monastero di Santa Elisabetta a Minsk.

Benvenuta, madre Eufrosina.

Buongiorno!

Grazie per essere venuta. Piuttosto che conversare sulla vita del monastero di Santa Elisabetta, suggerisco di concentrarci sul monachesimo e sul mondo interiore di un monaco. La ringrazio per la sua disponibilità a discutere su questo argomento impegnativo ma entusiasmante.

Dio La benedica!

Mi permetta di iniziare con una domanda personale, se non le dispiace. Come è diventata monaca? Come è successo nella sua vita? Cosa l’ha portata al monachesimo? Come ha preso la decisione? Cosa ha pre,so in considerazione? Quando ha sentito di essere pronta? È diventata prima suora e poi madre superiora? Condivida con noi alcune delle sue valutazioni.

Cosa mi ha portato al monachesimo? Niente in particolare. Vivevo nel mondo come tutti gli altri, ma molti aspetti della mia vita mi mettevano a disagio. Cercavo qualcosa di diverso, ma non sapevo cosa potesse essere. Ero alla ricerca, e forse lo ero sin dagli anni della scuola. Non avevo figure di riferimento. La gente diceva una cosa, ne pensava un'altra e ne faceva un’altra ancora qualcosa. Venivo da una famiglia non credente, dove il nome di Dio non veniva mai menzionato. Non è stato un evento o una circostanza in particolare che mi ha portato al monastero, ma ce ne sono stati molti.

Lei dice di provenire da una famiglia non credente. Come è venuta in chiesa per la prima volta? Qual’è stata la sua motivazione? Ci racconti di più su questo episodio.

La prima volta, non sono nemmeno entrata in Chiesa - la Cattedrale Metropolitana. Un’amica lì stava celebrando il suo matrimonio. Non sono entrata. Ho scelto di rimanere fuori insieme agli altri ospiti. Abbiamo aspettato pazientemente la fine della cerimonia. Solo più tardi ho avuto la sensazione di aver bisogno di andare in chiesa. Sono andata in una chiesa, poi in un'altra. Poi è arrivato quel momento memorabile. Era la Domenica del Perdono. Avevo un senso di colpa davanti alla mia famiglia e ai miei amici, ero in questo stato d'animo. Ho incontrato alcune sorelle della misericordia in abito bianco. Il padre spiriturale del monastero di Santa Elisabetta, Andrea Lemešonok, era allora un sacerdote di turno in chiesa. Mi sono avvicinata a lui, abbiamo avuto una conversazione e sono entrata a far parte della sorellanza laica. Era il gennaio 1997, un anno dopo, il metropolita Filarete, primate della Chiesa bielorussa, aveva dato la sua benedizione per l'ingresso delle prime suore. È iniziato un nuovo capitolo nella mia vita. Ho ricevuto un'obbedienza. Ho cominciato a visitare i pazienti della clinica di salute mentale in cura per la tossicodipendenza. Non appena sono entrata nella sorellanza, ho capito di essere nel posto giusto e di aver trovato la mia vocazione. Mi sentivo come se fossi tornata a casa. Avevo la sensazione di appartenere a quel posto da sempre, e non c'era traccia di dubbio o esitazione. A poco a poco, la mia obbedienza mi ha portata a diventare monaca.

Quel senso di appartenenza - e la pace interiore che ha sperimentato allora - sono ancora in lei? Si è mai pentita della sua scelta nei momenti di difficoltà?

Rimpianti? Non ho mai avuto rimpianti, ma ho avuto dei momenti difficili perché c'è sempre una lotta continua dentro di noi. Dio ci dà un supporto con la sua grazia che ci solleva dalla terra. Ma prima o poi ci mette in piedi per insegnarci a camminare. Mentre si impara, succede di cadere molte volte e farsi male alle ginocchia. Ma non ci può essere apprendimento senza il dolore. La fonte del nostro dolore è il peccato che distorce la nostra natura. Vive dentro di noi e da nessun’altra parte.

Parlando sulla realtà delle nostre tentazioni o prove... Alcuni possono non crederci. Ma se Dio esiste, deve esistere anche il suo antipodo. Si dice che i monaci hanno un senso acuto di questa realtà, e tendono ad essere più vulnerabili agli attacchi rispetto a noi. Questo Le sembra vero?

Come cristiana ortodossa, non sono d'accordo. Qualsiasi cristiano, che fosse monaco o laico, è vulnerabile allo stesso modo, tutti possono essere attaccati. Il nemico della razza umana desidera vedere la nostra fine e condurci lontano da Dio. Siamo tutti in lotta - anche i non credenti, anche se non se ne rendono conto. Ma un credente è più cosciente e più consapevole di questa lotta continua.

Perché qualcuno dovrebbe entrare in un monastero? Come ha detto prima, molti monaci impiegano del tempo per raggiungere un certo grado di maturità spirituale. Quindi, quando una donna diventa monaca, cosa succede?

È al di là di ogni spiegazione. Non c'è modo di capirlo razionalmente, è un'esperienza da vivere. È come chiedere perché ci innamoriamo di una certa persona o perché la sposiamo. Mia madre mi raccontò di un bel giovane che ha conosciuto quando ancora anche lei era giovane. Egli sposò una ragazza che sembrava molto ordinaria. Tutti gli chiesero cosa avesse trovato in lei. Ma lui rispose: "Se la vedeste con i miei occhi, capireste". Lo stesso vale anche per entrare in un monastero. È un mistero della propria relazione con Dio e una chiamata da parte Sua. Il Signore stesso ci dice: "Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi!". Lo dice ad ogni cristiano. Il monachesimo è una chiamata di Dio. Nessuno può riuscire nel monachesimo senza di essa.

Conoscete persone che hanno preso i voti ma che poi hanno cambiato idea?

Purtroppo succede. È successo a persone prima, sta succedendo ora e probabilmente succederà in futuro. Una battaglia infuria nei nostri cuori e ci saranno delle vittime. Alcune persone fanno una promessa a Dio e la infrangono. Questo rattrista Dio ed è una tragedia amara per la persona.

Da dove viene la maggior parte delle tentazioni - dall'esterno, dal mondo secolare?

Dipende. Alcune persone non possono sopportare la loro battaglia spirituale, non resistono. Ma il nemico persiste. Conosce i nostri punti deboli e li colpisce. Quando non confessiamo qualche peccato e non ci pentiamo di esso, rendiamo il nostro nemico più forte. Possiamo sembrare immacolati nel nostro comportamento, possiamo obbedire esteriormente ad ogni regola, ma essere comunque vulnerabili dentro. Ma anche allora rimane la speranza. Il Signore è sempre in attesa. A volte, le persone che se ne vanno ritornano. Alcuni ritornano decenni dopo. Si pentono e il Signore li riaccoglie.

Quindi anche questo è possibile?

Certamente.

Cosa è più importante per un monaco - liberare la propria anima o esercitare la vigilanza e l'autocontrollo?

Dubito che si possa avere libertà senza autocontrollo. Ma cosa vediamo intorno a noi? La gente è libera di fare ciò che vuole. Il risultato? I bambini di sei anni ora possono decidere chi sono: maschio o femmina. Se vogliamo rimanere umani, dobbiamo avere dei limiti, dobbiamo continuare la nostra lotta interiore con il nemico dentro di noi. Parlo di me stessa. La libertà senza autocontrollo sarà la fine della nostra umanità. Una volta che l'uomo ha voltato le spalle a Dio, ha rotto tutti i legami con Lui. Ma nessun uomo può vivere senza di Lui. Molti miscredenti con principi morali pensano di essersi fatti da soli. In verità, stanno vivendo una buona vita per la grazia di Dio e la Sua intercessione divina. Hanno la Sua grazia perché qualcun altro sta pregando per loro - nelle chiese o nei monasteri. È forse per il bene di queste preghiere che il Signore tiene ancora il nostro mondo sotto la Sua protezione. Egli ci protegge in modo che manteniamo la nostra umanità.

Quante delle sorelle avevano una famiglia nel mondo ma l'hanno lasciata per diventare monache?

Alcune lo hanno fatto. La maggior parte delle nostre sorelle sono donne di mezza età. Alcune sono vedove, altre divorziate.

Ma quando una ragazza molto giovane viene da voi, parlate con lei delle implicazioni della sua decisione e di come essa possa scontrarsi con il desiderio naturale di molte donne di sposarsi e avere figli? La avvertite in qualche modo e discutete di tutte queste cose?

Certamente, con tutti i mezzi. Il monachesimo è una decisione di vita importante e nessuno dovrebbe prenderla alla leggera. Ognuno dovrebbe pensare attentamente a ciò a cui dà valore e al tipo di vita che vuole. Come monache, dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per aiutarle ad essere oneste con se stesse riguardo alle loro ragioni e ai loro obiettivi di vita. Ma qualunque cosa decidiamo, non possiamo comunque sfuggire alla lotta interiore. Anche quando abbiamo fatto la scelta migliore, più meditata e ponderata, il nemico ci manderà ancora delle tentazioni. In questa lotta, rafforziamo la nostra volontà e la determinazione a procedere.

Qual’è la sua posizione sul ruolo della donna - laica, non monastica, nella famiglia? La Chiesa insegna alle donne a rispettare i loro mariti, e la tradizione patriarcale esalta il loro ruolo di madri e custodi della casa. Ma il mondo moderno manda alle donne un messaggio diverso. Insegna loro a lottare con gli uomini per l'uguaglianza, e a spingere per porre fine ai limiti sulla loro scelta lavorativa. Alcune scelgono di diventare le capofamiglia, lasciando i loro mariti a gestire la casa. Tutto ciò che effetto ha sulle donne?

L'emancipazione è in corso, e i suoi risultati sono già sotto gli occhi di tutti. Purtroppo, non sembra che questo cambiamento abbia reso le donne più felici. Le donne potrebbero fare meglio se guardassero alla Madre di Dio come modello. Lei non sbandierava i propri diritti, ma portava la sua croce e perseguiva la sua missione di vita con umiltà.

Le persone vengono da voi, si uniscono alla vostra famiglia monastica con il suo insieme di regole e tradizioni. Ma le persone, sono esseri umani e hanno i loro caratteri, i loro alti e bassi. Le occasionali differenze di opinione o le incomprensioni possono degenerare in dispute o amarezze. Come si affrontano queste situazioni?

Come qualsiasi altra famiglia, possiamo avere i nostri momenti di difficoltà, disaccordi e malintesi. Queste cose accadono. Ci insegnano a trovare e a superare le debolezze in noi stessi, perché le cause dei nostri disaccordi si trovano nei nostri cuori. Questo vale per i monaci, ma anche per i laici e per il mondo. Gli stessi comandamenti sono dati a tutti i cristiani, monaci o laici.

Qual è la sua opinione sulle punizioni? Usate delle punizioni? Le famiglie puniscono i loro figli per le malefatte, ci sono delle conseguenze per i monaci, e se sì, quali sono?

Oggi la gente ha un carattere irascibile e si offende più facilmente di prima. Ci infliggiamo delle punizioni affrontando le conseguenze delle nostre azioni inappropriate e la nostra persistenza in esse. Al giorno d'oggi, adattiamo le nostre reazioni ad ogni persona. A volte può bastare un avvertimento sulle conseguenze, e non sono necessarie altre azioni. Oggi non è più possibile usare le punizioni come prima. È come in famiglia e a scuola: i bambini oggi ascoltano i genitori e gli insegnanti molto meno di prima. Anch'io ero così e ora ne affronto le conseguenze. In una lettera chiesi a mia madre la benedizione per diventare suora. Lei mi rispose e mi disse di sì. Più tardi, quando ebbi il permesso del padre Andrea per andare a trovarla, la incontrai in lacrime. Le dissi: "Perché piangi, madre? Non mi hai dato la tua benedizione?". Lei rispose: "Ma non avevo scelta. Se avessi detto di no, mi avresti ascoltato?". All'inizio era difficile. Ma mia madre è una persona gentile e umile. Con il tempo, fu felice della mia decisione. Ha reso l’anima a Dio come cristiana. Mia madre e mio padre si sono confessati e hanno fatto la comunione prima del loro trapasso. Non sono diventati frequentatori regolari della chiesa perché hanno trovato Dio solo in età avanzata. Ma sono partiti come cristiani. Sono grata a Dio per questo.

Nella vita monastica, le cose materiali possono avere meno importanza che nel mondo, ma le donne sono donne... Alcune delle vostre sorelle sono tentate... di usare il trucco, per esempio? Roba da donne?

Non che io sappia. Sarà quando una persona ancora non capisce bene. Una sorella, per esempio, ha cambiato il taglio della sua tonaca di sotto – l’ha resa più stretta. Ma questi sono esempi molto rari, perché semplicemente non si adattano alla vita monastica. Prima di entrare in monastero, alle persone viene dato molto tempo per riflettere, chiedere in giro e imparare le regole. Vivere da monaci è diverso dalla vita nel mondo; e le cose che vanno bene per una donna del mondo diventano irrilevanti e non necessarie per le monache. Come il trucco e cose del genere. È semplicemente assurdo. Se qualcuno vuole usare il trucco, perché dovrebbe entrare in un monastero? Non ci sono regole contro il trucco nel mondo. Possono usarlo quanto vogliono.

Voi siete aperti al mondo. Mantenete una vasta rete di contatti. Gestite molti progetti e portate avanti una varietà di iniziative. Come descrivereste lo scopo della vostra vita monastica? Qual è la vostra missione?

Il nostro monastero è diverso da tanti altri, e Dio ha un piano speciale per esso. La vita negli altri monasteri è diversa. Hanno una lunga storia. Ad un certo punto sono stati chiusi o distrutti, ma sono stati ricostruiti negli ultimi decenni. Hanno avuto il tempo di stabilire le loro tradizioni. Così, quando li hanno ricostruiti, hanno cercato di tornare alle loro radici, alle pratiche originali e alla vita di preghiera. Ma noi siamo partiti da una pagina bianca. Abbiamo costruito il monastero da zero - non c'era nulla. La maggior parte delle suore erano di recente conversione, all'inizio del loro cammino. Facevano l'obbedienza nella sorellanza e servivano i pazienti dell'ospedale. Ogni monastero e chiesa hanno qualche reliquia famosa - un'icona miracolosa, o una particella di un santo. Ma per noi, il nostro tesoro più prezioso sono i pazienti dell'ospedale che si rivolgono a Dio. Vengono da noi e trovano Dio. Lo consideriamo il nostro più grande risultato. Il nostro ministero non esclude la missione fondamentale di ogni monastero, la preghiera per il mondo e la gente. Gli angeli illuminano la vita dei monaci e i monaci trasmettono la loro luce ai laici. Noi viviamo per brillare per gli altri e illuminare il loro cammino. Questo compito sembra impossibile, ma è gradito a Dio. Sento la Sua benedizione e il Suo aiuto in questo ministero, e così procediamo. Se non fosse compatibile con il nostro scopo, o non fosse gradito a Dio, la situazione sarebbe stata diversa. Dio non avrebbe favorito qualcosa per cui non era d'accordo. Ma finora abbiamo sentito la Sua grazia e la Sua benedizione. Stanno arrivando nuove sorelle e molte persone stanno trovando Dio.

L'interesse della gente per il monachesimo è in aumento o si è stabilizzato? Qual è la sua percezione?

Penso che abbia raggiunto l'apice. L'interesse della gente per il monachesimo ha cominciato ad aumentare negli anni '90, dopo il millesimo anniversario del battesimo della Rus’.

Quando incontra un ateo, qual è la sua reazione? Cerca di convertirlo gentilmente alla fede? Alcuni di loro sono abbastanza determinati. Cosa fa allora? Si fa da parte? Cosa pensa sia meglio: lasciare che le persone imparino dai loro errori, oppure cercare di portarle alla fede?

Dipende. Alcune persone dovrebbero essere lasciate in pace. Altre, che sono più interessate e reattive, dovrebbero essere aiutate, conviene offrire loro una guida, una spiegazione. Senza la grazia di Dio, niente funzionerà, per quanto ci si provi. Dio non costringe mai nessuna persona, né la porta a sé con la forza.

Questo vale anche per i bambini? Quando un bambino è piccolo, si può prenderlo per mano e portarlo in chiesa. Ma questa tattica non funzionerà per un adolescente. Quindi ai bambini più grandi dovrebbe essere permesso di seguire la loro strada?

Certamente. I bambini e gli adolescenti sono personalità distinte. Dio rispetta anche la loro libertà di decidere. Se accetta la scelta di un monaco che ha rotto i suoi voti e ha lasciato il monastero, perché non dovrebbe rispettare la decisione di un adolescente?

Qual è il suo più grande desiderio, il suo desiderio più intimo, la sua più grande ambizione che dà senso alla sua vita? Le piacerebbe condividerlo con noi? Ho un sogno. Ce l'ho nel cuore. Mettiamola così: il mio desiderio più profondo è quello di stare con Cristo e vivere con Lui nell'eternità. E dedicherò tutta la mia vita al suo perseguimento.

La ringrazio molto per questa intervista e per essere stata così aperta con noi. Mi permetta di augurare a lei e alle sue sorelle in Cristo buona salute nel corpo e nello spirito, e anche la realizzazione dei vostri più grandi desideri.

Dio La benedica! Grazie mille!

Views: 222
Ratings: 0/5
Votes: 0
Comment