Non ho mai smesso di ringraziare Dio

29. aprile 2022

padre oleg

Padre Oleg, come vuole che la presentiamo ai nostri lettori? Ci parli di lei.

Prima di tutto, sono un servo di Dio, un membro della comunità del monastero e del clero. Sono anche uno scienziato e sono abituato a guardare molte cose del nostro mondo attraverso il prisma della scienza. Ho fatto un programma post-laurea, ho lavorato in un istituto di ricerca e ho fatto il dottorato.

Sono anche un insegnante. Insegno fisica agli studenti della nostra scuola Ichthys. Tengo corsi di informatica all'università ed educo gli insegnanti in un programma di sviluppo professionale. Non ho mai pianificato di diventare un insegnante, ma sono arrivato ad amare questo lavoro.

Sono un uomo di famiglia e con mia moglie stiamo costruendo la nostra chiesa domestica. Mia madre è una sorella di carità nella nostra comunità laica. Tutto questo è importante e riempie la nostra vita.

Secondo lei, come la maggior parte delle persone trovano Dio al giorno d'oggi, e come è successo a lei?

Sfortunatamente, la maggior parte delle persone vengono a Dio quando sono nel dolore. Ma nel mio viaggio verso Dio, non ho mai smesso di ringraziare il Signore. Essere grato a Dio mi permette di condividere la gioia della mia fede con gli altri.

Più ringraziamo Dio, più forte diventa la nostra fede. I santi padri ringraziavano sempre Dio per le loro difficoltà, i loro dolori e le loro privazioni. Ma molte persone che oggi leggono delle loro vite, fanno fatica a crederci. Non possono immaginare di ringraziare qualcuno per le difficoltà. Ho scoperto peròche quando veniamo a Dio con gratitudine e un cuore contrito, Egli rivela la saggezza della sua provvidenza. Trasforma le nostre tragedie in benedizioni e i nostri fallimenti in successi. Ci protegge da molte tentazioni e ci rende più forti. Quindi, anche se il nostro incontro con Dio è nel dolore e nella sofferenza, dobbiamo essere grati. Spesso ciò che sembra perdita e tragedia all'inizio, diventa vittoria e benedizione anni dopo. L'ho visto accadere molte volte.

padre oleg in orfanotrofio

Qual è stato il suo percorso verso l'ordinazione?

Sono stato battezzato nella prima infanzia, all'età di due o tre anni. Il mio progresso verso Dio è stato lento ma costante. Non ricordo nessun punto di svolta o crisi importante lungo la strada. È stato alla fine del nono anno di scuola che ho scoperto il potere della preghiera, all'epoca non andavo nemmeno in chiesa. Stavo entrando in un programma di preparazione all'università molto competitivo e dicevo la preghiera "Padre nostro" durante tutto il periodo degli esami. Veniva dal mio cuore. I miei concorrenti erano ben preparati, ma sono riuscito comunque a entrare.

A diciannove anni ho cominciato a frequentare i colloqui di padre Andra Lemešonok con i parrocchiani nella cattedrale dei Santi Pietro e Paolo e poi le funzioni al monastero di Santa Elisabetta. Un anno dopo, mi sono unito alle sorelle laiche del monastero nelle loro visite alla struttura di assistenza a lungo termine per bambini disabili. Aiutando gli altri, ho imparato ad ascoltare e a rispondere ai loro bisogni.

mostra ortodossa

Dopo nove anni di volontariato nella scuola domenicale e in diversi laboratori monastici, sono entrato nel dipartimento delle relazioni esterne del monastero. È una missione importante visitare diversi paesi e parlare alla gente della fede ortodossa.

Ora sono io stesso un prete, ma non ho smesso di imparare da altri preti. Sono sempre a guardare, ascoltare e fare scoperte. La mia ordinazione mi ha reso più indulgente e meno critico.

È stata la famiglia a influenzare la sua scelta?

Nella nostra crescita personale e spirituale, le tradizioni familiari giocano un ruolo importante. Ci siamo sempre divertiti a leggere e abbiamo festeggiato insieme le nostre feste. All'inizio erano feste come il Capodanno, il Giorno della Vittoria e i compleanni. Più tardi, mia madre entrò a far parte della comunità delle suore laiche del monastero di Santa Elisabetta. Tutta la nostra famiglia divenne presto frequentatrice della chiesa. Di tutte le feste secolari, solo il Giorno della Vittoria è rimasto nel nostro calendario.

matrimonio in chiesa

Alcuni anni fa, il monastero di Santa Elisabetta ha iniziato la tradizione di celebrare una liturgia notturna per il nuovo anno. Ho partecipato a questa liturgia come chierichetto. Oggi, il nostro anno inizia con una liturgia notturna e la Santa Comunione al mattino. Lo trovo profondamente rassicurante e stimolante.

Io e mia moglie lavoriamo duramente per costruire la nostra chiesa domestica. Mia moglie è una pittrice di icone. Leggiamo insieme testi religiosi. Leggiamo spesso il Vangelo, per esempio. Siamo sposati da circa tre anni. Il nostro matrimonio in chiesa ha avuto luogo nel 2018, il giorno della festa dell'icona della Madre di Dio di Kazan.

La mia famiglia ha radici bielorusse, ucraine e russe. Sono cresciuto parlando ucraino. I miei genitori vengono da Seredina Buda, una piccola città nella regione ucraina di Sumy, al confine con la Russia. Mio padre ha frequentato un istituto tecnico a Kharkov. Mia madre si è formata come ingegnere a Minsk e ha iniziato lì la sua carriera. Non ho mai sentito divisioni tra russi, bielorussi e ucraini.

Sono profondamente rattristato dalla situazione attuale. Sono grato ai miei genitori per essere rimasti insieme nonostante tutte le difficoltà. Hanno lavorato duramente per mantenere il loro matrimonio. A mio padre è stato diagnosticato un cancro avanzato ed è morto prematuramente nel 2017. Nonostante la sua malattia, non ha mai richiesto un trattamento speciale. Invece, è stato un modello di compassione e amore per i suoi cari fino ai suoi ultimi giorni. Si è sempre preso cura di noi. Era sempre gentile e cordiale, anche quando dava le sue ultime istruzioni.

Chi altro nella sua vita l'ha aiutata a crescere come cristiano e come sacerdote ortodosso?

Sono sempre stato ispirato dagli scritti del metropolita Antonio di Surož (Bloom) e ho avuto la fortuna di incontrarlo personalmente. Dopo il mio terzo anno di università, ho fatto domanda per un visto americano nell'ambito del programma Work and Study, ma l'ambasciata ha respinto la mia domanda. Così ho accettato l'offerta di andare a Londra. Prima di partire, avevo scoperto la chiesa della Dormizione della Santissima Madre di Dio e di Tutti i Santi, dove officiava il Metropolita Antonio di Surož. Avevo anche saputo del monastero fondato da padre Sofrionio (Sakharov) vicino a Londra.

padre oleg inghilterra

Quando ho incontrato il metropolita Antonio, sono rimasto molto colpito dalla sua notevole profondità e bellezza interiore. Pronunciava le sue omelie in russo e poi le ripeteva in inglese, parola per parola. Non riuscivo a capire come potesse ripetere l'intero testo in modo così dettagliato. I suoi sermoni erano profondi, ben strutturati e sempre al punto.

I suoi discorsi ai suoi parrocchiani erano notevoli. È stato un grande onore ed esperienza essere membro di questa parrocchia. Rimanevo dopo le liturgie per aiutare, partecipavo alla pulizia della chiesa ogni lunedì come volontario.

È stato durante il volontariato che ho incontrato padre Joseph, un diacono che è stato poi ordinato sacerdote. Padre Joseph mi ha messo a capo dell'ufficio parrocchiale. Ho lavorato con i suoi archivi, scannerizzando e digitalizzando i vecchi bollettini parrocchiali, ognuno dei quali conteneva le omelie del Metropolita Antonio e molti altri testi interessanti. Ho scansionato e letto centinaia di pagine. Questo lavoro è stato una benedizione di Dio.

Durante il mio soggiorno in Inghilterra, ho visitato il monastero di Padre Sofronio dove ho trovato un padre spirituale, l'archimandrita Simeone. Padre Simeone ha reso l’anima a Dio nel 2009. Sono tornato al monastero anni dopo, su invito di padre Nicola, il pronipote di padre Sofronio, per aiutarlo nel suo lavoro sugli archivi. Su raccomandazione di padre Nicola, sono diventato un discepolo spirituale dell'archimandrita Zaccaria.

padre oleg confessione

Qui a Minsk, il mio padre spirituale è padre Andrea Lemešonok. Ha sposato i miei genitori nel 1999. Nel 2000, mi ha dato la sua benedizione per visitare i bambini in cura a lungo termine e, dal 2009, per lavorare nel dipartimento di relazioni esterne del monastero. Nel 2012 mi ha dato la sua benedizione per studiare in seminario e ha sposato me e mia moglie nel 2020. Con la sua benedizione, sono diventato diacono nel 2020 e quattro mesi dopo - sacerdote. Colgo ogni occasione per confessarmi con lui e chiedere il suo consiglio prima di fare scelte importanti.

L'ateismo è comune tra gli scienziati. La sua fede interferisce con il suo lavoro scientifico?

La fede in Dio non è mai un ostacolo alla scienza, ne sono certo. Tra gli scienziati, i matematici sono più spesso credenti. Non molto tempo fa ho letto questa informazione. Ci sono molti miracoli in matematica, regolarità sorprendenti nei numeri. I matematici sono i meno dipendenti dal loro ambiente e dai finanziamenti per il loro lavoro scientifico - una matita, un righello, non hanno bisogno di altro per lavorare.

In fisica o in biologia è diverso. I ricercatori hanno bisogno di attrezzature e materiali per i loro esperimenti e osservazioni. Questo li rende più dipendenti e spesso influenzati. Un altro ostacolo alla percezione della presenza di Dio è la nostra mente ambiziosa. Per fortuna, la mia non lo è.

scuola padre oleg

Perché, secondo lei, i genitori scelgono la scuola Ichthys per i loro figli?

Insegno fisica agli allunni della nostra scuola Ichthys e gestisco due club di attività per gli studenti interessati alla fisica e alla matematica. Mi piace molto insegnare ai bambini. Mi piace creare lo spirito della scoperta e condividere il loro entusiasmo. Imparo anche a vedere il mondo dal loro punto di vista. È così che io stesso divento come un bambino, come ci dice Cristo.

I genitori mandano i loro figli alla nostra scuola per molte ragioni diverse, ma la motivazione spirituale è forse la più importante. Prestando attenzione al mondo interiore degli studenti e alla loro crescita spirituale, la scuola può aiutare le famiglie a costruire una base a cui il bambino possa attingere nei momenti difficili dell'età adulta.

Ma nessuna scuola può sostituire la comunicazione tra i bambini e i loro genitori all'interno della famiglia. In passato, le famiglie erano più unite, più vicine spiritualmente. Oggi le famiglie sembrano più frammentate. Tuttavia, la nostra comunità e la nostra scuola stanno facendo tutto il possibile per permettere alle famiglie di dare ai loro figli una buona educazione.

padre oleg calcio

La Grande Quaresima è in corso. Cosa augura ai nostri lettori per questa stagione benedetta?

La Quaresima è la stagione della speranza. Come dice padre Andrea Lemešonok, la Quaresima può darci l'energia per durare molti mesi. Spero che tutti voi possiate vivere una Quaresima appagante che vi porti a condividere la gioia della Risurrezione di Cristo.

Lo scopo principale della nostra vita è quello di assicurare la salvezza delle nostre anime. Possiamo fare progressi impressionanti se impariamo a notare e riconoscere i nostri difetti, a pentirci e a chiedere a Dio il Suo perdono e aiuto. In questo modo, possiamo tutti diventare cristiani migliori e persone migliori.

Visualizzazioni: 223
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment