Non sono che un mediatore...

22. luglio 2021

suor Olga (Velikaia)

suora ortodossa

Ci sono diversi tipi di obbedienza nel monastero. Alcune sorelle partecipano alle mostre, altre conducono visite guidate, altri ancora lavorano nel laboratorio di cucito o di ricamo. Vivendo al monastero, ho avuto il tempo di lavorare nella chiesa, alle mostre e al computer. La mia nuova obbedienza iniziò quando la Madre Superiora mi chiamò e mi benedisse per aiutare a ricevere le persone che arrivano alle porte del monastero.

Rispondendo "Come benedice, Madre!" sono uscita, piena di entusiasmo, immaginando vagamente la portata del compito da svolgere. Ma i primi visitatori mi hanno un po' scoraggiato. Si è scoperto che erano... dei senzatetto. Semplici barboni in abiti sporchi, con mani tremanti e occhi infangati. Ripensando a me stessa due anni fa - che è quanto tempo ho fatto questa obbedienza - sono sorpreso della mia leggerezza. Mi sembrava così semplice, scambiare qualche parola con un uomo e mandarlo via... almeno alla casa di accoglienza. Forse era il mio modo di proteggermi dal dolore. Dal dolore di queste persone. Che sono grati per una ciotola di zuppa e una tazza di tè, perché hanno passato 8 giorni nella foresta in inverno senza cibo e un tetto sopra la testa. Senza speranza.

"Perché?" "Per cosa?" - Queste sono le domande che l'umanità pone a Dio da secoli. Andando ancora una volta da queste persone, ascoltando le loro storie, ho sentito involontariamente un impulso nella mia anima a fare la stessa domanda. E ogni volta sprofondavo nell'abisso. In cui il mio dolore è solo una parte del dolore generale che potrebbe schiacciare...

"Sei stato crocifisso per loro?". - questa fu la risposta nel suo cuore che l'archimandrita Sofronio ricevette quando rivolse una domanda simile a Cristo, pregando per l'umanità sofferente. Io non sono padre Sofronio. E non sempre sono in grado di aiutare queste persone anche finanziariamente. A volte semplicemente perché sono ubriachi, furbi e disonesti. A volte è perché sono irritantemente persistenti. Ma il ghiaccio del mio cuore si sta incrinando. Sempre di più, la compassione, la misericordia bussa alla mia porta. Queste non sono parole vuote per me ora. Sono significativi. E mi portano la Luce.

Ho imparato a capire le persone. Accettare. Persone diverse. Vestiti diversi. Stati diversi. Per parlare con loro. Cerchiamo di aiutare, se non con il lavoro, con le parole, con la preghiera, con la partecipazione. E confidare in Dio più che in me stesso. Trasferisco questo peso schiacciante da me a Cristo, confidando che Lui conosce i bisogni di tutti noi e io non sono che un mediatore. Questa è la mia esperienza personale. Fede. Speranza. E da qualche parte l'amore. Non ha prezzo. E il mio dolore fa meno male...

Views: 131
Ratings: 5/5
Votes: 1
Scopri di più
Comment