Padre Sergio Chernyak - aiutare le persone è la mia missione

22. luglio 2021

Padre Sergio Chernyak

Diamo il benvenuto ad un nuovo membro del nostro clero - il sacerdote Sergio Chernyak. Padre Sergio ha appena compiuto 30 anni. È nato a Minsk, anche sua moglie viene dalla capitale bielorussa. Abbiamo intervistato padre Sergio sulla sua esperienza di arrivo a Cristo, e sul suo servizio a Dio, al prossimo e alla sua famiglia.

Lei proviene da un ambiente secolare e non si è convertito all'ortodossia fino all'età adulta. Cosa ha influenzato il suo ritorno all'ovile della chiesa cristiana?

Perché sono entrato in Chiesa? Perché qualsiasi persona entra in Chiesa? Dio chiama, e la persona risponde.

Leggendo recentemente il Libro del Siracide, sono rimasto colpito dal versetto che parla di una scintilla mandata ad una persona dal Signore, quella persona può soffiare in un fuoco, o lasciarla morire. Perché ho deciso di trasformare la scintilla in una fiamma? Forse stavo rispondendo alla chiamata di Dio.

Non c'erano credenti nella mia cerchia ristretta, quindi venire in chiesa è stata una decisione completamente autonoma per me. Quando mi iscrissi al seminario, mio padre mi disse che il mio bisnonno era un prete. Mio padre lo incontrò un paio di volte da bambino e quasi non lo conosceva. Alla fine, ho fatto le mie ricerche.

Ho scoperto che il mio bisnonno era un sacerdote e ha servito nell'eparchia di Bobruisk. A 21 anni, quando era ancora diacono, fu processato e condannato. Il governo bolscevico dell'epoca aveva istigato una campagna di confisca degli oggetti di valore della chiesa, così i preti nascondevano alcuni oggetti di chiesa nelle loro case. Il mio bisnonno era uno di loro. Hanno trovato gli oggetti di chiesa e lui è stato condannato e gli è stata concessa la libertà vigilata.

Oggi, il mio bisnonno è classificato tra coloro che sono stati perseguitati per la Fede Cristiana. Anche se non è probabile che venga canonizzato, il pensiero che possa pregare per me è molto stimolante.

Per me, il mio servizio militare è diventato un vero punto di svolta. Questi diciotto mesi sono stati un periodo difficile per me, poiché erano in netto contrasto con l'ambiente confortevole e amorevole della mia casa; obbedire sempre agli ordini e concedere poco tempo per me stesso sono state forse le cose più difficili a cui abituarsi. Un risultato positivo di queste difficoltà è stato che mi hanno liberato dalle mie eccessive inibizioni, e sono andato alla Chiesa dell'Icona della Santa Madre di Dio "Gioia di tutti coloro che soffrono", che si trova vicino a dove vivo. Ho saputo della confraternita laica della chiesa, che porta il nome del Nuovo Santo Martire Vladimir Hirasko.

Da quando ho partecipato al mio primo incontro, non ho mai smesso di ammirare l'ambiente accogliente che c'era lì; erano pronti ad abbracciare chiunque, malato o sano, ricco o povero. Non succedeva molto - le persone si riunivano solo per stare in compagnia di Dio e gli uni con gli altri. La pace e la calma regnavano lì; andare alla riunione era come tornare a casa. Sono cresciuto nella fraternità laica dei giovani parrocchiani della chiesa.

Padre Sergio Chernyak foto

La vostra prima visita al monastero di Santa Elisabetta è avvenuta subito dopo la Sua conversione. Come ha detto, Lei non pensava in quel momento a diventare sacerdote. Come ha deciso di iscriversi al seminario e di volere l'ordinazione?

Andare all'università era una scelta popolare quando sono tornato dall'esercito, come lo è ancora oggi. Non ero sicuro di dover seguire la tendenza popolare. Mi chiedevo: "Perché ho bisogno dell'istruzione, che differenza farebbe nella mia vita?". Nonostante i miei dubbi, ho finito per andare e laurearmi in economia e iscrivermi a un seminario. In totale, ho studiato per più di otto anni. Ho scoperto che l'erudizione può essere una fonte di tentazione - l'enfasi sullo sviluppo intellettuale può portare a un'eccessiva sicurezza e all'autocompiacimento e, di conseguenza, all'intorpidimento del cuore e dello spirito. È importante riconoscere ed essere attenti a questi rischi, e non lasciare che diventino una realtà.

Dopo il mio servizio militare, ho lavorato in un lavoro secolare per sette anni. Per tutto quel tempo, ho lottato con il pensiero di iscrivermi a un seminario e diventare un prete. Mi ci è voluto molto tempo per decidermi. Ero sopraffatto dallo stupore e dall'attesa. Alla fine, sono arrivato a capire che la salvezza della mia anima immortale non era una priorità in una vita svolta nel mondo secolare, che ha suoi piani.

Sono stato anche influenzato dalla parabola del Vangelo su un uomo e i talenti che Dio gli ha dato. Ha toccato le corde del mio cuore e mi teneva sveglio la notte. E se Dio mi avesse chiamato a realizzare un talento che aveva consegnato, e io invece lo avrei nascosto nella sabbia? Come avrei risposto di questo? Questi sono stati i pensieri che mi hanno spinto a fare domanda e ad iscrivermi al seminario all'età di 27 anni. Non è stato facile essere uno studente a tempo pieno tra ex scolari, la cui esperienza di vita e gli atteggiamenti verso la fede e la Chiesa erano molto diversi. Il mio matrimonio con mia moglie dopo due anni di studio in seminario è stato altamente provvidenziale, e ho continuato come studente part-time.

Facevo un lavoro secolare per mantenere la famiglia. Per due mesi ho lavorato come autista nel monastero. Mi alzavo alle 4.40, guidavo per tre ore e aiutavo le sorelle. Mi piaceva molto, ma era un orario molto stretto.

Padre Sergio orthodoxe

Ci può raccontare del momento in cui è stato ordinato e assegnato alla sua prima parrocchia in un villaggio.

Sono giunto alla decisione di chiedere l'ordinazione e di iniziare il mio servizio a Dio come sacerdote. Sono stato accolto e ordinato dal vescovo Beniamino di Borisov e Maryina Gorka. Sono stato assegnato a una chiesa di villaggio appena aperta a metà strada tra Minsk e Mogilev. Ci è voluto un po' di tempo a mettere in ordine e a organizzare i servizi religiosi.

Come ho detto a mia moglie all'inizio: "Ci sarà una chiesa e una parrocchia, avremo una comunità cristiana e una famiglia". Queste erano le intenzioni con cui ci siamo avvicinati alla gente che non sapeva quasi nulla della chiesa. La chiesa esisteva da molto tempo, ma era stata chiusa prima della guerra e bruciata durante la guerra. Alcuni andavano in chiesa a Minsk nei giorni di festa, molti non sapevano cosa facesse un parroco in una chiesa e cosa significasse la sua benedizione. Alcuni trovavano strano chiedere la benedizione a un prete che era due volte più giovane di loro.

Stavamo allestendo la chiesa, preparando della documentazione e procurandoci il necessario per la chiesa. Non vedevamo l'ora di iniziare i servizi religiosi. La tanto attesa prima Liturgia iniziò, ma pochissime persone presero parte ai sacramenti. Venendo da una grande parrocchia della città di Minsk, ho trovato questo molto insolito. L'unico modo per andare avanti era spiegare alla gente il significato dei Sacramenti con grande pazienza, calore e amore. Questo è il modo più sicuro per raggiungere i loro cuori e le loro menti.

Come è diventato sacerdote al Monastero di Santa Elisabetta?

Nel 2002 ho chiesto a padre Andrea di essere il mio padre spirituale. Avevo ascoltato tutti i suoi colloqui spirituali che hanno contribuito molto alla mia crescita nella fede e nello spirito. Poiché avevamo difficoltà a trovare un posto dove vivere, mi avvicinai a padre Andrea e gli chiesi le sue preghiere. Mi offrì, inaspettatamente, di unirmi al clero del Monastero di Santa Elisabetta, uno dei suoi ecclesiastici era partito per la Bulgaria. Accettai immediatamente la sua proposta. - Servire nel Monastero è stato un cambiamento molto gradito.

Anche a mia moglie piace qui. Si è diplomata in una scuola religiosa come reggente del coro. Cercavamo di celebrare insieme tutti gli uffici religiosi. Alla fine, Dio ci ha mandato un bambino e poi un altro, così mia moglie è rimasta a casa. Rimanere a casa non è semplice, e bisogna avere forza e perseveranza per persistere nel proprio servizio a Dio.

Dai tempi in cui ero membro della confraternita laica del Santo Martire Vladimir, ricordo molte persone che hanno smesso di andare in chiesa quando si sono sposate e hanno avuto figli. Si sentono molte scuse per questo: badare ai bambini, passare il tempo con il marito, o troppo lavoro. È triste vedere quanto facilmente possiamo perdere la concentrazione quando incontriamo qualche ostacolo nella nostra vita. Rimanere in pista quando le circostanze cambiano è una delle tante arti che dobbiamo imparare.

Padre ortodosse

Come vede la missione del suo servizio a Dio e alla gente come sacerdote?

Ho sempre voluto aiutare la gente, e la mia esperienza di andare in chiesa ma di non avere abbastanza giude spirituali mi ha rafforzato nel mio desiderio. Non era sempre facile avere un colloquio privato con padre Andrea, anche quando volevo avere una guida. Mi rendevo ben conto allora che i sacerdoti erano molto occupati a fare la loro obbedienza, e devono lavorare duramente. La mia esperienza personale di vagabondaggio spirituale e di ricerca di risposte ha ispirato in me il desiderio di aiutare gli altri, al meglio delle mie conoscenze e capacità, a superare dubbi e incertezze.

Quando ero ordinato al monastero di Lyady, ero pieno di zelo nello predicazione. Tuttavia, è improbabile che uno lasci un'impronta in questo mondo se non impara a vivere di preghiera. Si può continuare a predicare e a scrivere testi su Internet, ma non c'è molto che si può fare senza lo Spirito in ascolto. Acquisire lo Spirito Santo è un obiettivo degno.

Ricordo di aver fatto una chiacchierata con una persona molto capace, intelligente e scettica. Mi disse che tutti i monaci erano delle persone deboli. Io risposi: "Il Monastero aiuta i frati del centro di riabilitazione. Nessun altro si occupa di loro. Come potrebbe essere possibile per una persona debole aiutare i fragili? " Non ebbe una risposta a questo argomento. Gli parlai allora di Dio e della chiesa. Non disse nulla. Pensavo di averlo convinto. Quando venni al lavoro il giorno dopo (allora lavoravamo insieme con quella persona), pensai di averlo convinto abbastanza per portarlo in chiesa. - Mi sbagliavo. Il messaggio raggiunse la sua mente, ma non il suo cuore. Non sono riuscito ad aiutarlo ad aprirsi alla Grazia di Dio.

Mi augurerei di avere un grande coraggio. A volte ci può sembrare di aver sbattuto contro un muro di mattoni - dopo aver lavorato così duramente per diventare un prete o un monaco si scopre che non si ha più lo zelo e l'amore per Dio che si aveva negli anni precedenti. Il burnout è anche un'esperienza che ci viene mandata dal Signore, e dovremmo affrontarla come un'altra sfida della vita. Ci viene mandata perché impariamo a non temere o pensare che sia la fine della nostra vita. Quando la vecchia vegetazione viene distrutta da un incendio, fa spazio alla crescita di nuove piante. Dovremmo imparare a superare le nostre paure nella nostra vita e vivere nella speranza e nell'anticipazione della nostra gloria in Cielo.

Views: 43
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment