Pasqua, la gioia della vita eterna

29. aprile 2022

pasqua la gioia della vita eterna

La festa delle feste è arrivata. Cristo è risorto. È un miracolo e una benedizione.

Gli ortodossi sono il Nuovo Israele. Stiamo camminando coraggiosamente verso la nostra terra promessa. Gerusalemme è la nostra destinazione, non quella sulla terra, ma quella in cielo. Dobbiamo andare avanti senza paura né esitazione perché il Signore è in mezzo a noi.

Il nostro sentiero luminoso ci conduce attraverso la follia del mondo. Rimarremo su di esso fino alla fine, perché Cristo ci ha detto: "Io sono la via, la verità e la vita". Cristo ci sta portando a una nuova vita, liberi da ogni peccato, dolore e malattia. Abbiamo un'intera vita davanti, mentre qui sulla terra stiamo solo imparando un po'.

Non ci facciamo illusioni su chi siamo. Sappiamo che il peccato vive dentro di noi e possiamo fare cose orribili se rimaniamo senza la grazia di Dio. "Ho lasciato che ogni infermità consumasse il mio cuore, ho perso la somiglianza di Dio e degli uomini", pregava San Simeone Metafraste. Non lo intendeva come una figura retorica o un'esagerazione. Parlava di sé stesso.

Non abbiamo neanche idee sbagliate su questo mondo. Su questa terra, non possiamo trovare giustizia. È inutile chiedere chi ha ragione e chi ha torto. Tutti sono da biasimare. Una cosa è certa: chi si umilia di più, ama di più. Sembra difficile? Ma attraverso Colui che mi dà la forza, posso fare tutto questo!

Possiamo essere poveri studenti, ma abbiamo un insegnante perfetto. Facciamo male, ma Lui ci perdona. E così ci incontreremo sicuramente di nuovo nel Suo Regno dei Cieli. Come può essere altrimenti? Dio ci dà così tanto amore che non c'è alcuna possibilità per noi di finire altrove. Quindi rallegriamoci. Sorridiamo, ridiamo, abbracciamoci e baciamoci. Ma attenzione a non esagerare e a far ingelosire le nostre mogli!

È bene capire la misura delle cose per rimanere vigili e avere spiriti agili. Padre Silvano ha offerto un'eccellente definizione di buona misura nel cibo. Ci ha consigliato di mangiare quel tanto che basta per poter pregare dopo. Che bella idea! Una misura per tutti che abbraccia le nostre differenze e bisogni, per alcuni potrebbe essere necessario un boccone e per altri dieci saranno troppo pochi.

È una gioia accogliere tutte voi qui. Siete tutte bellissime! Troppo spesso non ci accorgiamo della bellezza degli altri, soprattutto quando siamo giù. Possiamo imparare a vedere Dio negli altri solo quando abbiamo pace e amore nei nostri cuori. Quindi spingiamoci a vedere Dio in ogni persona, perché questa è la nostra abilità più preziosa.

Qual è lo scopo della nostra vita? È imparare ad amarsi l'un l'altro. Nessun compito è più difficile. Una persona egocentrica che ama solo se stessa non può amare un altro. Abbiamo tutti bisogno di lavorare sodo per diminuire il nostro orgoglio e vivere secondo i comandamenti di nostro Signore. Viviamo e cresciamo, nell'ovile della nostra Chiesa e con l'aiuto di nostro Signore. Stiamo andando verso la nostra Gerusalemme in Paradiso, mentre ci prepariamo per una nuova vita come nuove persone. Che ogni servizio a cui partecipiamo in questo periodo di giubilo ci porti un passo più vicino al Cielo.

Cristo è risorto!

Arciprete Andrea Lemeshonok

Visualizzazioni: 16
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment