Portare il Vangelo ai pazienti dell’Ospedale Generale

4. agosto 2021

Ospedale generale 2 a Minsk

Ospedale generale №2 a Minsk

Le sorelle e i fratelli del monastero di Santa Elisabetta prestano l'aiuto alle persone bisognose e questo fà una parte importante della loro vita quotidiana. Le suore sono ispirate a servire dalla nostra Intercessore Celeste, Santa Elisabetta, e il nostro Salvatore Gesù Cristo.

L'aiuto ai malati è uno dei tanti servizi del nostro monastero. Oltre al nostro servizio di assistenza domiciliare, che si concentra sull'aiuto ai pazienti costretti a stare a casa, le nostre sorelle laiche visitano anche i pazienti dell'ospedale generale No.2 della città.

Il nostro servizio all'ospedale generale n. 2 della città di Minsk

Le sorelle di misericordia hanno tradizionalmente servito negli ospedali e nelle cliniche per secoli. Le suore del monastero di Santa Elisabetta visitano i pazienti dell'ospedale generale n. 2. L'ospedale ha undici reparti e il Centro di Cardiologia della città dove i pazienti possono ricevere un aiuto medico professionale.

Mentre i medici curano i corpi dei pazienti, le nostre sorelle sono lì per portare il Guaritore di anime - il nostro Salvatore Gesù Cristo. Egli perdona tutte le tue colpe, risana tutte le tue infermità; salva la tua vita dalla fossa, ti corona con bontà e compassioni. (Salmo 103:3-4)

Padre nell ospedale generale

Padre Andrea Malahovsky nell’ospedale generale

Le sorelle del nostro monastero visitano l'ospedale dal 1994, quindi è stato uno dei primi servizi della nostra sorellanza. L'obiettivo delle sorelle è sempre stato quello di confortare i malati, di portare loro calore e amore quando ne hanno più bisogno, di essere semplicemente vicine, pronte ad aiutare in ogni modo possibile.

Benedicendo la fondazione del nostro monastero, il Metropolita Filarete ha detto, "Questo è il modo in cui dovete guardare a ciò che fatte: O Signore, sono venuta dai malati. Ti prego di fare la Tua opera attraverso di me". Le sue parole continuano ad essere un'ispirazione per le sorelle di oggi.

Esperienza personale di Suor Anastasia:

Suor Anastasia è una delle sorelle che visitano l'ospedale ogni settimana. Lei condivide la sua esperienza personale con noi: Insieme ad altre 5 sorelle, visito ogni settimana il reparto di gastroenterologia dell'ospedale generale n. 2. Faccio queste visite da più di 3 anni. Fino ad ora, ogni visita è come se fosse la prima volta. A differenza dei nostri altri servizi, la rotazione lì è costante e incontriamo sempre nuove persone.

Ogni due mercoledì visitiamo ogni reparto e parliamo alle persone della confessione e dell'Eucaristia. Facciamo una lista di nomi delle persone che vorrebbero confessarsi e ricevere la Santa Comunione. Il giovedì riuniamo tutti i pazienti e rispondiamo alle loro domande sul pentimento prima che il prete arrivi in ospedale.

sorella di misericordia e malata

Di solito è una lunga serata, poiché il sacerdote ha una lunga fila di confessori mentre una sorella legge 3 canoni di pentimento e preghiere di preparazione prima della Santa Comunione per tutti i pazienti. Altre suore sono disponibili per parlare e rispondere alle domande dei pazienti.

Ogni due venerdì, arriviamo all'ospedale alle 6 del mattino per svegliare tutti i - pazienti desiderosi per prepararli a ricevere il Corpo e il Sangue di Cristo. Gli adulti e gli anziani si comportano stranamente come bambini in quel giorno e dobbiamo essere molto attenti e premurosi affinché non bevano acqua o mangino nulla prima dell'Eucaristia.

La maggior parte dei pazienti ricevano la comunione per la prima volta nella loro vita e dobbiamo spiegare loro tutte le cose pratiche su come comportarsi, senza dimenticare che in realtà stiamo parlando del Sacro Sacramento che dà la vita. Dopo aver fatto questo, visitiamo i reparti e il sacerdote dà la comunione ai pazienti costretti a letto che si sono confessati la sera prima. Questa è la nostra più grande ricompensa: vedere le persone ricevere Dio.

sacerdote padre celebra il sacramento della confessione di un malato grave

È interessante che le stanze d'ospedale progettate per 6 uomini sono le più difficili da raggiungere. La reazione del primo uomo che arriva è la reazione di tutti gli altri. Se è buona, allora tutti gli altri si gireranno verso di noi e ci ascolteranno. Ma se la prima persona è ostile, allora tutti gli altri ci volteranno le spalle. Tuttavia, quando il prete entra con un calice per dare la comunione a uno degli uomini costretti a letto, tutta la stanza potrebbe ribellarsi. Ma se il paziente che aspetta la comunione trema per i singhiozzi e riesce a malapena ad alzarsi essendo debole, ma riesce a farlo in soggezione al Sacramento, gli altri uomini cadono in silenzio dopo aver visto questo.

Solo Dio sa che segno lascia nelle loro anime.

Portare il Vangelo ai malati

Quando i pazienti vedono una sorella cristiana ortodossa vestita in un abito bianco, alcuni di loro sentono il bisogno di farle domande relative alla fede. Molte persone non sanno molto dell'Ortodossia, ma hanno molto tempo libero in ospedale, così decidono di parlare con le sorelle e imparare di più.

sacerdote padre esegue il sacramento dell unzione

Il Vangelo, o la Buona Novella, è esattamente quello che serve. È la buona notizia di Dio che manda il Suo Amato Figlio Signore Gesù Cristo per salvare il mondo:

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna. (Giovanni 3:16) E se questa Buona Notizia porta anche solo un pò di conforto ai malati in ospedale - allora la nostra missione principale è completa. PS: Niente di tutto questo sarebbe possibile senza il vostro aiuto! Per favore, considera la possibilità di fare una donazione per il nostro servizio sociale, in modo che possiamo continuare a portare Cristo nella vita di queste persone!

Visualizzazioni: 273
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment