Restare fermi sulla Scala della Divina Ascensione

13. aprile 2022

restare fermi sulla scala della divina ascensione

Un'altra domenica e un'altra liturgia di San Basilio Magno volgono al termine. Abbiamo dedicato due o forse anche tre ore del nostro tempo all'eternità. Come ortodossi, dovremmo riempire tutte le cose della nostra vita con lo spirito. Tutto ciò che facciamo dovrebbe essere il nostro servizio a Dio. In tutte le cose atteniamoci allo stesso standard: ci avvicinerà a Dio o no? Così le nostre vite si riempiono di significato e iniziamo a dare un senso a ciò che facciamo e a come agiamo.

E mentre portiamo lo spirito nelle nostre vite, diventiamo i guerrieri di Dio. Tutti noi qui siamo i Suoi guerrieri. Ma quanto sarà spirituale la nostra vita? E se ci sia ancora tanta strada da fare? Può essere. Tuttavia, se deponiamo le armi e ci arrendiamo, il mondo perirà. Non appena decideremo che il nostro nemico è troppo potente e non può essere sconfitto, porteremo la rovina a noi stessi, ai nostri cari e a tutte le persone.

Nel miracolo della comunione non siamo semplicemente testimoni, ma siamo partecipi di un grande evento. Prendiamo in noi il Corpo e il Sangue di Cristo, e non è solo una benedizione, ma anche la verità. Ci tiene in vita in tutte le situazioni. Ma per crederci, dobbiamo crescere forti nello spirito.

Rafforzare nello spirito significa guardare all'eternità, non alle cose temporanee di questo mondo. Significa cercare il Regno di Dio dentro di noi. Il mondo guarda nella direzione opposta. Cantiamo: "Alzate i vostri cuori al Signore". Cerchiamo il Suo regno, ma il mondo risponde: "Sollevare dove? Non c'è niente lassù tranne spazio vuoto!" E le persone soffrono. Sono preoccupate per le bollette e per l'aumento dei prezzi del cibo, per la crisi e per i frigoriferi vuoti. Ma si rifiutano di riconoscere la causa principale dei nostri guai: il mondo è troppo impensierito per le cose materiali; ha poco bisogno di Dio e gli volta le spalle in piena coscienza. Il nostro mondo si sta disfacendo proprio davanti ai nostri occhi e nelle condizioni attuali, le sue possibilità di sopravvivenza sembrano sempre più scarse. Quando le persone si allontanano da Dio, devo dirvi chi prenderà il Suo posto?

San Giovanni Climaco, che abbiamo commemorato nella quarta settimana di Quaresima, ci ha indicato la via da seguire. Ci ha lasciato l'immagine della sua famosa scala su cui saliamo verso il nostro Signore. Conta solo 30 gradini, ma è una salita ripida e molti l'abbandoneranno strada facendo. Eppure, anche quando cadiamo, ci rialziamo e ricominciamo la nostra ascesa dall'inizio. Il primo passo nel nostro viaggio è superare la nostra dipendenza dalle cose materiali di questo mondo, dissociarci da esse.

Abbiamo già soddisfatto il prerequisito principale per la nostra ascesa: abbiamo accettato Dio. In Lui abbiamo trovato l'unità spirituale. Ora dobbiamo diventare giudiziosi, ma non dal punto di vista di questo mondo temporaneo, ma da quello dell'eternità. Essere giudiziosi significa avere il senso della misura. Alcuni trascorrono ore davanti allo specchio truccandosi. Ma Dio ci ha creati belli. L'uomo ha perso la sua bellezza quando ha peccato. Siamo belli quando abbiamo cuori puri e la luce che viene dall'interno.

Sappiamo che possiamo vivere non soffrendo la fame, né diventando dei ghiottoni; possiamo avere tutto ciò di cui abbiamo bisogno senza vivere nel lusso. Abbiamo bisogno del senso della misura in ogni cosa: preghiera, digiuno, lavoro e riposo. Abbiamo capacità diverse e alcuni possono ottenere più risultati rispetto agli altri. Ma non confrontiamo, né giudichiamo nessuno.

Allora, forza, amici miei, preghiamo che il Signore aiuti tutti a completare il viaggio quaresimale verso la Grande e Santa Pasqua, la risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo!

Arciprete Andrea Lemešonok

Visualizzazioni: 207
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment