Ricordare i defunti e gioire della risurrezione di Cristo

7. maggio 2022

radonitsa saluto nostro defunto

Ricordo il sentiero ripido, le nuove foglie sulle betulle e le croci ricamate sull'asciugamano bianco di mia nonna. Stavamo camminando sulla collina con mia nonna per visitare le tombe dei miei antenati. Arrivati in cima, mia nonna ha steso un asciugamano e mi ha detto: "La mia bisnonna l'ha fatto a maglia".

Portava sempre questo asciugamano quando visitavamo le tombe della nostra famiglia defunta. Ci andavamo ogni anno, il nono giorno dopo Pascha. Mi teneva la mano mentre camminavamo di tomba in tomba. Uno per uno, ci avvicinavamo ad ogni membro della famiglia, facevamo rotolare un uovo dipinto, dicevamo il saluto pasquale, accendevamo una candela e pregavamo. Mia nonna parlava con loro come se fossero vivi.

Mi parlava dei miei antenati, del mio bisnonno Ivan, i suoi due fratelli morti nell'infanzia e molti altri. Li teneva vivi nella sua memoria e mi chiedeva di fare lo stesso. Queste visite mi hanno insegnato a credere nella vita eterna. Lei non è più con noi, ma io vado sulla sua tomba a augurarle Buona Pasqua. Non ho l'asciugamano con le croci, ma vengo con un cuore puro, portando con me i miei figli, tenendo le loro mani come lei teneva le mie.

Il 2 maggio celebriamo il « Giorno della Gioia »: Ricordiamo tutti coloro che sono morti e preghiamo per la loro resurrezione. Nel mio paese questa festa si chiama anche Radunitsa : entrambi i nomi condividono la stessa radice e hanno significati simili. Ma come può la commemorazione dei defunti essere sinonimo di gioia? Come possiamo rallegrarci quando visitiamo i nostri defunti, stiamo sulla tomba, piangiamo per i nostri cari e riflettiamo sulla fragilità e la finitezza delle nostre vite?

radonitsa

C'è una grande saggezza nel celebrare Radunitsa durante il tempo pasquale, un tempo pieno della gioia della resurrezione di Cristo. È presente nelle nostre funzioni religiose e nel nostro scambio di saluti pasquali. Durante la prima settimana di Pasqua, andiamo a trovare i nostri figliocci, amici e parenti, online e di persona, ci rallegriamo e ci scambiamo doni. Allo stesso modo, il nono giorno dopo la Pasqua, onoriamo con il resto della nostra Chiesa i nostri amici e familiari defunti. Questo giorno ci porta tutti insieme in Chiesa mentre condividiamo la stessa speranza di risurrezione. Non siamo più separati ma uniti, non più nel dolore ma nella gioia.

Siamo membri di una sola famiglia e di una sola Chiesa, e la nostra unione dura ben oltre questo giorno. Come disse un uomo saggio, quando i nostri cari se ne vanno, si spostano solo in un'altra stanza della stessa casa. Eppure anche loro si rallegrano, poiché la Pasqua non è meno reale per loro di quanto lo sia per noi. Facciamo loro il saluto pasquale, e la loro risposta risuona nei nostri cuori. Ci rivolgiamo a loro come loro fanno con noi.

I nostri defunti si preoccupano ancora per noi : "Non temete", ci dicono rassicuranti. Il loro amore supera i confini di questo mondo e fa miracoli, ci fa andare avanti nei nostri momenti di debolezza e rende i nostri momenti felici ancora più felici. Le nostre preghiere suonano e risuonano, rendendoci più resistenti di prima.

Sulla terra o in cielo, seguiamo la stessa direzione e condividiamo la stessa speranza. Dritti o tortuosi, stretti o larghi, visibili o invisibili, i nostri sentieri ci portano verso l'alto, dove ci uniremo al nostro Signore. Fare progressi su questa terra è una battaglia in salita, ma i nostri defunti vegliano su di noi mentre camminiamo. Mia nonna sta pregando per me, e lo fanno anche i miei antenati.

Le nostre strade possono trovarsi in parole diverse o andare in direzioni parallele, ma si incroceranno. Incontreremo i nostri antenati da qualche parte tra il cielo e la terra, in un oceano sconfinato di vento, amore e spirito. Li saluteremo, "Cristo è risorto", e la vita trionferà sulla morte. La loro risposta, "Veramente è risorto", ci scalderà il cuore, come a Radunitsa.

Tatiana Dashkevich

Visualizzazioni: 50
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment