Senza Dio siamo completamente indifesi

14. luglio 2021

sermone padre andrey lemeshonok

A volte sembra che non stia succedendo niente, ma stanno succedendo un sacco di cose. A volte sembra che nessuno ne abbia bisogno, ma questo pensiero ci blocca e ci impedisce di vedere Dio.

Molte cose sembrano a una persona con una mente malata. E vedere questa malattia in se stessi è già una vittoria.

La cosa peggiore è che ci fidiamo troppo della nostra immaginazione, delle nostre sensazioni. E, naturalmente, finché abbiamo fiducia in noi stessi, perdiamo. Dobbiamo capire che senza Dio, siamo completamente indifesi. Dobbiamo rinunciare al nostro vecchio mentale. Questo è ciò che il Vangelo chiama crocifiggerci con le nostre passioni e i nostri desideri (Galati 5,24). Ma non possiamo farlo da soli. Le passioni e i desideri, tutti i peccati, sono abilmente mascherati, e ad occhio nudo non possiamo distinguere dov'è la verità e dov'è la menzogna. Ecco perché abbiamo bisogno di "occhiali con il vetro speciale".

Tutti abbiamo l’ipermetropia, vediamo gli altri molto bene: questo è così, quello è così... Ma non vediamo noi stessi. Ecco perché abbiamo bisogno di occhiali, e Cristo ce li prescrive. Chi ha quante diottrie? Dipende dallo stato in cui si trova la nostra anima. San Ambrogio di Optina disse: "Conosci te stesso, e questo è abbastanza per te." E quanto più attentamente tratti la tua vita e ti guardi, tanto meno vedi con la tua ipermetropia. Questa è la regola della vita. E questa regola deve essere imparata. Perché lo sappiamo in teoria, ma quando dobbiamo applicarlo alla vita, ci perdiamo. In qualsiasi situazione, in qualsiasi dialogo, in qualsiasi riunione, in qualsiasi nostro affare, dobbiamo prima fermarci e chiederci: "Cosa vuole Dio? Qual è il significato spirituale in questo incontro, in queste azioni?". E poi, per non sbagliare, dobbiamo rivolgerci a Dio. Se abbiamo la capacità di rivolgerci a Dio, sarà salvifico per noi.

A volte la gente mi dice: "Non so come combattere i miei pensieri...". La vita spirituale è costruita sul fatto che devi ammettere il tuo fallimento, la tua incomprensione. Dovete dare i vostri pensieri, i vostri piani, tutto il vostro nelle mani di Dio, altrimenti sarete in altre mani. Sembra tutto semplice, ma una persona ha la libertà ed è abituata a fidarsi di se stessa, a farsi guidare da se stessa. È estremamente difficile per lui iniziare a vivere spiritualmente. Quindi, sia che mettiate lo schema, sia che mettiate qualsiasi vestimento - se non avete la vita interiore, la lotta interna, perderete sempre la battaglia. Beh, non tu, ma noi. Perché tutti dipendiamo l'uno dall'altro.

Come fa una persona ad accettare questo e a stabilirsi in esso? Cosa bisogna fare? Questo dipende dalla nostra preghiera, dal nostro pentimento, dalla nostra comunione con gli altri: in famiglia, con i parenti, con gli altri... È tutto collegato. Se vogliamo mantenere la connessione con Dio, dobbiamo lottare per questa connessione e non credere a noi stessi. Abba Doroteo disse: "Mi sembra così, ma vado a chiedere. Mi dicono la stessa cosa che pensavo io, ma ora è giusta, ma quando la pensavo io era sbagliata". Vedi la sottigliezza qui? È giusto, ma io sono un uomo orgoglioso e lo vedrò male, quindi preferisco chiedere.

E siamo tutti autosufficienti. E non ci verrà chiesto. "Perché?" E così non c'è nessuna connessione con Dio. Perché non mi umilio e non chiedo. Lo faccio da solo perché è meglio per me, è più facile, è più conveniente. Sì, può essere comodo e facile, e forse c'è anche qualche guadagno, ma la perdita sarà molto grande se l'anima perde Dio. Ecco la base della nostra vita spirituale. Questa è la nostra tavola della moltiplicazione. Questo è il nostro alfabeto. Finché non lo impariamo, perderemo sempre.

Dio ci dà la Grazia. Ma perché non rimane nei nostri cuori? Perché non prestiamo attenzione.

Un giovane monaco venne dal vecchio monaco di Valaamo. Era molto emaciato, sfinito dal digiuno. Hanno parlato tra di loro. Come addio il vecchio dice: "Non tornare sul ghiaccio oggi - annegherai". Quello rispose: "Beh, io sono uno schema, prego! Cosa stai dicendo, vecchio?" Ed annegò...

L'orgoglio porta sempre un uomo alla morte. La Grazia viene data agli umili. Posso fare tutte le cose con Gesù che mi fortifica (Filippesi 4:13). Tutti. Se ci fosse stata qualche limitazione, l'apostolo avrebbe detto: "Questo posso fare e questo non posso fare". Ma lui ha detto: "Posso fare tutto, se è la volontà di Dio".

E abbiamo bisogno di una via di mezzo. Non per essere estremo. E abbiamo gli estremi: o siamo santi, o non siamo niente. Ma se riceviamo almeno una goccia di vita nell'anima, che è inaridita dal peccato, allora si rianima. Uno sguardo sincero, una parola dal cuore - e la persona può continuare a vivere. Nei loro occhi - fiducia, nelle loro parole - calore e comprensione. Come è necessario a volte per un uomo quando il suo cuore è arido! Come è necessario avere una parola gentile di sostegno e di simpatia!

Se prendessimo le nostre vite come penitenza! Puoi immaginare che tipo di vita avremmo? Tutto ciò che facciamo è il nostro pentimento! Puoi immaginare quanto siamo colpevoli davanti a Dio? Riesci a immaginare come sarebbe bello di avere la purezza interiore? Ti guardi dentro, vedi il tuo peccato, credi nell'amore di Dio che ti perdona, lavori duramente e ringrazi Dio per tutto quello che hai. Di cos'altro avete bisogno? Questo è sufficiente per la salvezza.

Ma il mio orgoglio e il nemico della nostra salvezza trovano delle debolezze. Trovano un posto per passare inosservati. Ti rilassi, perdi il controllo, ti fidi del tuo vecchio mentale e sei sconfitto. Ma è una bellissima cosa che viviamo nella Santa Chiesa Apostolica. La benedizione che possiamo venire e dire per la milionesima volta: "Dio, perdonami, sono colpevole".

Arciprete Andrea Lemesconok

Views: 39
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment