Suor Maria (Yakovleva) sui primi anni in monastero

22. luglio 2021

prime monache del convento di sant elisabetta

Con il passare del tempo, tendiamo a dimenticare come erano le cose all'inizio. Per preservare i ricordi unici delle suore che sono state le prime ad entrare in monastero, abbiamo chiesto loro come ci si sentiva 20 anni fa.

Suor Maria (Yakovleva) ha condiviso con noi i suoi ricordi.

La prima tonsura monastica nella storia del monastero ebbe luogo un anno prima della fondazione del monastero stesso. Ebbe luogo nell'agosto del 1998 nel Convento di San Giovanni Evangelista nel villaggio di Damashany, non lontano da Minsk. La nostra sorella maggiore, Elena Sysun, che più tardi divenne la prima Madre Superiora del monastero, prese i voti monastici in quel periodo. Allora eravamo ancora sorelle laiche. Quella tonsura fu la prima volta per noi di cantare come coro di chiesa. All'epoca non c'era nulla in questo posto. Il terreno del monastero di oggi era una terra desolata. Stavamo solo iniziando di costruire la nostra prima chiesa. La Madre Superiora viveva nel suo appartamento. Le suore, che allora si preparavano anch'esse alla vita monastica, vi soggiornavano spesso. Eufrosina (Laptik), la nostra futura Madre Superiora, era tra loro insieme alla suor Eufrasia (Shilenkova) e alla suor Ludmila (Leiko).

Le riunioni della comunità delle sorelle della misericordia si tenevano nella casa parrocchiale di San Pietro e Paolo. In una delle riunioni il nostro padre spirituale, padre Andrea Lemeshonok annunciò che Filarete, metropolita di Minsk e Slutsk, aveva dato la sua benedizione per fondare un monastero. Nella primavera del 1999, una decina di noi firmò una domanda di ammissione al monastero per entrare nella comunità monastica. Insieme alla Madre Superiora, stavamo quasi raggiungendo il numero apostolico di 12.

Nell'agosto del 1999 padre Andrea disse che sei o sette sorelle dovrebbero diventare delle novizie mentre altre tre (le attuali badessa Eufrosina, suor Eufrasia e suor Ludmila) avrebbero preso i voti, il che significava che tre sorelle laiche diventavano suore omettendo il noviziato.

sorelle laiche con nikolay guryanov

Il 22 agosto 1999 le prime sorelle hanno preso i voti ed altre sono diventate delle novizie. Abbiamo cantato in quel servizio e poi ci siamo avvicinati al Metropolita. Ci ha dato la sua benedizione e ci ha presentato le tonache e i rosari. Siamo andati a cambiarci d'abito e siamo tornati indossando il nero... Ad essere sincera, il mio primo pensiero fu: "Che cosa ho fatto!"

Non avevo né un fidanzato né il desiderio di sposarmi. Mio padre era un militare e cercava regolarmente di presentarmi alcuni giovani ufficiali, che io facevo del mio meglio per evitare queste conoscenze. Entrare in monastero era chiaramente la mia intenzione, eppure, dopo aver indossato la tonaca, ho sentito la paura di qualcosa. Ma era solo un inganno momentaneo che passò presto.

Tra le prime novizie del monastero c'erano le suore di oggi: Anfisa (Ostapchuk), Ioanna (Orlova), Tamara (Ignatovich), Tabita (Birukova), Maria (Voitovich), suor Fotina (Shinkarenko) ed io. Per qualche ragione, suor Maria (Derzhanovich) non è diventata novizia quel giorno. Tuttavia visse con noi e fu la prima direttrice del coro del monastero. Ha presso i voti due anni dopo. Suor Marta (Guskova) venne quasi immediatamente dopo. Tre mesi dopo il suo arrivo, anche lei ha subito prese i voti. Anche suor Ermionia (Zastenskaya) venne nell'inverno dello stesso anno. Suor Rufina (Filippovich), Marta (Matveeva) e Matrona (Lukashova) vennero nell'anno successivo...

chiesa di san nicola

La costruzione della chiesa di San Nicola fu terminata il 10 dicembre 1999. Abbiamo passato tutta la notte precedente a rimuovere le tracce di cemento dal pavimento appena finito. Il metropolita è venuto la mattina. Celebrò una Liturgia e consacrò la chiesa di San Nicola. La chiesa di Santa Elisabetta non era ancora in costruzione a quel tempo. Lo stesso giorno, il metropolita Filarete tonsurò la madre Eufrosina e suor Eufrasia nel Piccolo Schema. Anche cinque sorelle hanno prese i voti. Molte di noi, me compresa, frequentavano ancora l'università. La nostra tonsura è stata quindi rimandata a dopo aver ricevuto i nostri diplomi.

I nostri iconografi si trovavano sul terreno dell'ospedale psichiatrico. Il loro laboratorio si trovava nel seminterrato dell'edificio appena a sinistra del cancello di sicurezza anteriore. Il futuro Padre Sergio lavorava lì in compagnia della sua futura moglie, Matushka Larisa, Demetrio Kuntsevich e due delle nostre future suore, Marta Sr e Marta Jr.

C'era una casetta di legno a due piani al posto dell'attuale portineria dell'OVS (OVS - abbreviazione russa di Dipartimento delle Relazioni Estere - ndr). Il primo piano era occupato da un laboratorio di falegnameria, dove il defunto Andrea Sheburenkov lavorava insieme ad altri. Il secondo piano era usato per l'amministrazione della costruzione. Qui è dove abbiamo dormito.

Potevamo iniziare ad usare la camera non prima che la giornata lavorativa fosse finita alle 17:30. Il nostro programma includeva diverse ore di preghiera la sera. Leggevamo un servizio serale senza prete e andavamo a letto verso le 22. Ci alzavamo verso l'una di notte e pregavamo per altre tre ore circa e poi ci coricavamo per un altro paio d'ore. Al mattino tutti tornavano all'obbedienza.

lo spazio era limitato. Dormivamo su materassi che mettevamo proprio sul pavimento. Ricordo che dovevo sempre dormire su un lato, mai sulla schiena. Tutto a causa della mancanza di spazio. Eppure, era il momento più bello di tutti.

Il laboratorio di falegnameria si è poi spostato in un altro luogo, e abbiamo potuto avere il primo piano della casetta tutto per noi. Questo ci dava un po' di spazio in più.

A volte le nostre sorelle laiche interessate alla vita monastica venivano a passare la notte con noi. La nostra direttrice del coro, suor Anfisa, che allora si chiamava Natasha, era una di loro. Era una ragazza tranquilla e umile, con gli occhi a piattino, che indossava sempre un foulard. Non era neanche una novizia quel tempo, e ci sono voluti 10 anni perché entrasse in monastero. Per tutto quel tempo lavorava nella sua parrocchia di origine come direttrice del coro. Giulia Krukovskaya, che studiava anche lei per diventare una cantante di chiesa, era ancora una ragazza. Mi ricordo che fu morsa sul naso da un topo, mentre di notte dormivamo sul pavimento. Sì, quelle erano le condizioni di vita.

Avevamo vissuto in quel modo per 6 mesi, fino alla costruzione delle celle monastiche. Le celle furono collocate al secondo piano di quello che ora chiamiamo il vecchio edificio.

L'edificio stesso non era ancora finito, ma il secondo piano fu messo in servizio presto. Io fui messo nella primissima cella insieme a madre Eufrosina. Dormire su veri letti e non dover condividere una stanza con 10-15 persone sembrava un vero lusso allora! In realtà, le celle erano molto piccole. Erano piuttosto concepite per una sola persona, ma le condividevamo ospitando due o tre sorelle in ciascuna. Con il tempo, man mano che il numero delle suore cresceva, dovevamo talvolta condividere i letti, dormendo testa a testa. Io ho condiviso il mio con suor Rufina quando è arrivata. Più tardi il terzo piano fu finito e ci trasferimmo lì.

All'inizio, facevamo a turno per cucinare i pasti. Era una bella sfida. Fare un pasto per cinque persone è già abbastanza difficile, figuriamoci per quindici o venti. Ricordo di aver pregato Dio: "Che questa volta sia buono...". All'inizio dell'anno 2000, siamo state raggiunte da alcune sorelle più anziane. Tra loro c'erano la defunta suor Vasilissa (ancora Valentina Medved) e la defunta suor Serafima (Tarasuk). Cucinavano pasti meravigliosi e ci nutrivano molto bene. Più tardi, nell'anno 2000, ci siamo trasferiti nel nuovo edificio, che a quel tempo era ancora in costruzione. Quell'edificio aveva un vero refettorio e una cucina. Prima di trasferirci in quell'edificio dovevamo usare le docce nelle case delle suore laiche, e andava bene. Nonostante le cattive condizioni di vita, quel periodo all'inizio della storia del monastero fu in effetti il migliore di tutti.

Views: 76
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment