Il mio incontro con Dio. Suor Mitrodora (Sasina)

21. luglio 2021

Suor Mitrodora

L'incontro con Dio è sempre molto personale, misterioso, impercettibile. Le sorelle del nostro monastero condividono le loro storie di quando e come hanno sentito il Signore e risposto alla sua chiamata.

Suor Mitrodora (Sasina): Gli estranei di solito pensano che debba accadere una sorta di tragedia per far sì che uno si avvicini a Dio o entri in un monastero. Ma Dio ha modi diversi per chiamarci a Lui. Io ero uno di quelli che avevano tutto. Andavo bene negli studi. Avevo una carriera promettente. Avevo delle ambizioni, potevo fare molto. Avevo amici. Per questo nessuno nella mia cerchia poteva capire la mia decisione di andare altrove lasciando tutto. Sono cresciuta in una famiglia religiosa: entrambe le mie nonne erano credenti. Mi portavano a ricevere la comunione quando ero bambina. Nonostante ciò, sono rimasto ateo fino all'età di 19 anni. È difficile dire in quale momento Dio ha toccato la mia anima.

È successo tutto in modo tranquillo e graduale.

Ho cominciato a rendermi conto che esisteva una vita diversa. Uscivo con gli amici. Feste, discos e altro simile sembravano essere divertenti. Ma la mia anima rimaneva vuota. E mi sentivo completamente diversa ogni volta che entravo occasionalmente in una chiesa, anche solo per 20 minuti. Lì sentivo la vita e la pienezza dentro di me, anche se era difficile per me rimanere in piedi così a lungo e non capivo molto del servizio...

L'ultima trasformazione interiore e l'incontro con Dio avvennero dopo che mi ero unita alla comunità delle sorelle della misericordia e avevo iniziato la mia obbedienza in un ospedale.

Lì incontrai una volta una paziente, una signora anziana e sola. Mi dissero che un tempo era un medico molto conosciuto. Aveva aiutato molte persone, molti avevano chiesto il suo consiglio. Ora nessuno, nemmeno i suoi figli, veniva a trovarla in ospedale. La sua unica compagnia era il personale dell'ospedale che si prendeva cura di lei. Ero in piedi accanto al suo letto e mi chiedevo: "È questo ciò per cui ha vissuto? Avendo aiutato così tanto, ora è tutta sola. Non le resta altro che questo letto. Quindi cosa viene dopo?".

Quello è stato il punto in cui ho riconsiderato tutta la mia vita. Quando c'è Dio, tutto comincia ad avere un senso.

Ricordo che una volta ho visitato dei pazienti al Centro Scientifico e Pratico di Salute Mentale. Mentre andavo al reparto, stavo provando il mio "discorso" e pensavo a cosa avrei detto a questo o quel paziente. Con disappunto, quando arrivai, non mi ascoltarono e si allontanarono.

Un altro giorno, mi è capitato di essere molto stanca. Dovevo alzarmi presto la mattina dopo. Fuori faceva un freddo cane. Così ero riluttante ad andare al Centro. Ho pregato tutti i santi chiedendo loro di aiutarmi ad aprire la porta del reparto e dire almeno qualcosa. E sapete, in quel momento era tutto diverso: la gente si avvicinava a me, mi ascoltava e faceva domande... Abbiamo pregato insieme. Quando ho lasciato il reparto, mi sentivo così viva. So che non ero io, ma Dio che operava attraverso di me.

Ho avuto un'esperienza molto significativa prima di entrare nella comunità delle sorelle. Allora non ne parlai con nessuno. Una volta, tornando a casa dalla chiesa, ebbi improvvisamente una chiara visione di tutta la mia vita davanti a me. Da un lato, avrei potuto avere una vita che chiunque avrebbe sognato: una famiglia, un marito amato e amorevole, il benessere esterno. Ma sarebbe stato senza Dio. Oppure potevo vivere diversamente. Non sapevo come sarebbe stata quell'altra vita. Ma era sicuro che sarebbe stata con Dio. Il Signore mi chiedeva su quale vita avrei deciso. Sentivo di dover decidere in quel momento. Ma perché non più tardi, il giorno dopo per esempio? C'era una grande lotta dentro di me allora...

Ho capito più tardi perché era necessario che rispondessi al Signore in quel particolare momento: senza quel dialogo con Dio, ma con le cose in corso, come al solito, avrei scelto la prima via.

Alla fine ho capito che vivere una vita tranquilla ma senza Dio non mi avrebbe reso felice e avrei sofferto. A quanto pare, anche la mia famiglia avrebbe sofferto. Così ho detto: "Signore, scelgo Te".

Tre anni dopo sono venuta nel monastero. Quel dialogo interiore con Dio, il fatto che il Signore mi avesse rivelato due possibili opzioni tra cui scegliere e che stesse pazientemente aspettando la mia decisione mi aiutò molto. Infatti, Dio ascolta tutti. Dio lascia a noi la scelta e aspetta sempre la nostra decisione. Quello è stato un momento molto luminoso e memorabile: il momento dell'incontro dell'anima con Dio.

Ovviamente la mia vita prima di entrare nel monastero era stata abbastanza attiva. Ma quando sono entrata nel monastero, con i suoi pochi cambiamenti esteriori, ho cominciato a sentire una pienezza che non avevo mai sperimentato altrove. E non lo farò mai più. Perché uno dovrebbe scegliere una vita sconosciuta invece di rimanere comodamente a casa? Perché si dovrebbe lasciare tutto? Perché si vede una vita diversa e si comincia a viverla. Questa pienezza ti riempie compensando il resto.

Views: 97
Ratings: 5/5
Votes: 1
Scopri di più
Comment