Trovare la gioia del Cielo in nostro Signore

15. maggio 2022

Trovare la gioia del Cielo in nostro Signore

Quanto è bello per noi essere qui, quanta gioia! Noi celebriamo la vita, mentre il mondo si concentra sulla morte. Noi vediamo la gioia, mentre il mondo vede il dolore. Eppure, chi semina con le lacrime, raccoglierà con canti di gioia. La nostra gioia è la gioia di un cuore che ha trovato Dio.

Non è un piacere momentaneo o l'aspirazione a una ricompensa immediata per aver fatto un'opera per il Signore. Non è nemmeno un entusiasmo di breve durata che si trasforma rapidamente in una delusione. Noi cerchiamo la gioia abbondante del Cielo, e possiamo averla solo quando rompiamo le catene del mondo. "Non morirò, ma vivrò e proclamerò ciò che il Signore ha fatto", come leggiamo nella Sacra Scrittura.

La nostra ostinazione nelle nostre passioni, nei rancori e dispiaceri, non ci porterà molto lontano sulla via del Signore. Non ci terrà lontani dalla disperazione, dalla frustrazione, dalla delusione e dal senso di fallimento. Un vero credente non avrà nessun pensiero del genere. Ogni giorno è come un nuovo inizio, una nuova pagina in un libro, un nuovo capitolo della vita.

Non possiamo evitare gli errori e non dobbiamo aver paura di sbagliare. I nostri errori ci rendono consapevoli della nostra debolezza, e ci insegnano l'umiltà. Posso sbagliare come cristiano, sacerdote ed essere umano, ma Dio può guidarmi verso la perfezione. Senza Dio, non sono nulla. Con Lui posso realizzare molte cose. "Ma attraverso Colui che mi dà la forza, posso fare tutto!" Tutto è possibile. Posso vedere la bellezza in ogni persona. Posso astenermi dall'affermare la mia verità e il mio giudizio, per amore di Dio e del mio prossimo. Posso trattenermi dal condannare un altro.

Siamo partecipi della vita futura e della sua gioia eterna, ma ognuno in misura diversa. Alcuni non le hanno sperimentate affatto, altri le hanno trovate, ma dovranno lavorare duramente per mantenerle. Tutti dobbiamo combattere una battaglia per i nostri cuori e le nostre menti, se vogliamo realizzare quei cambiamenti della nostra vita che abbiamo così a lungo rimandato. Quante volte ci siamo detti: "Non potrei farne a meno! Mi annoierei troppo senza quelle feste e le chiacchiere". Ma la verità è che quando viviamo con Dio, non c'è spazio per la noia.

Quindi preghiamo per avere la forza di diventare un solo, unico, indivisibile e indistruttibile corpo con Dio, e che lo Spirito Santo dimori in noi. Dio vive in ogni persona, e in alcuni si riconosce facilmente. A volte si deve osservare attentamente, ma nessuno si deve scoraggiare. Abbiamo un viaggio emozionante davanti a noi.

Continuiamo a riflettere la gioia dell'amore di Dio sugli altri. Nella Radunitsa la porteremo ai nostri defunti con le candele, quando visiteremo le loro tombe. Le aspergeremo con l'acqua santa e pregheremo per loro. Chi ha un giardino, inizierà presto a coltivare un nuovo raccolto. Presto la terra si scalderà e il raccolto crescerà. Raccoglieremo un buon raccolto, e così la gioia si moltiplicherà.

Cristo è risorto!

Arciprete Andrea Lemeshonok

Omelia della Liturgia domenicale del 1.05.2022

Visualizzazioni: 89
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment