Un cammino difficile e spinoso verso Dio

9. agosto 2021

fratello Ruslan

Come ha scritto la nostra patrona, la granduchessa Elisabetta, l'immagine di Dio in una persona può oscurarsi, ma non può mai essere distrutta. Oggi abbiamo chiesto a uno dei fratelli del nostro centro di accoglienza e riabilitazione, Ruslan Gurin, di condividere la storia del suo cammino verso il ripristino dell'immagine di Dio in se stesso, le difficoltà che ha incontrato lungo il cammino e la sua esperienza nel superarle.

"Nella mia corsa attraverso la vita stavo per schiantarmi in una curva a gomito".

Se parliamo della mia vita prima di rivolgermi a Dio, allora per tutto il tempo ho vissuto come se avessi una luce verde ovunque, il rosso non esisteva. Avevo molta libertà, ero lasciato a me stesso. Nella mia corsa attraverso la vita stavo per schiantarmi in una curva a gomito.

 il fratello Ruslan fa una croce

Ero il più giovane di quattro figli in famiglia. Negli anni '90, i miei genitori hanno avuto delle difficoltà e sono stato mandato con mio fratello in un collegio. Così, all'età di 10 anni, ho già iniziato a vivere separato dai miei genitori.

Il primo anno è stato difficile, ma poi mi sono sentito libero. Viaggiavo, potevo andare via per un fine settimana o per le vacanze senza dirlo a mia madre. Pensava che fossi in collegio. Amici, feste, musica alternativa, birra, droga - ho avuto tutto. Nella mia mente immatura pensavo di avere una bella vita.

Dopo il collegio ho frequentato la scuola agraria, ma non mi interessava studiare. Pensavo che l'esercito mi avrebbe aiutato. Dopo il servizio ho finito la scuola per sottufficiali e sono entrato nella polizia. Mi sono sposato, ma il matrimonio non è durato, abbiamo divorziato due anni dopo. L'alcol è entrato nella mia vita e non ho più ascoltato nessuno. Ho iniziato ad avere problemi al lavoro e ho dovuto lasciarlo. I rapporti con il fratello e la sorella maggiori sono stati interrotti. Volevano che avessi uno scopo e che facessi progressi, ma tutto ciò di cui avevo bisogno era il denaro per le necessità della mia vita terribile, non pensavo ad altro.

Ho iniziato a vivere di contrabbando, andando dalla Bielorussia alla Russia e alla Polonia a comprare e vendere cose. Di tanto in tanto entravo in conflitto con la legge, ma i miei genitori mi aiutavano. Quando non hanno potuto aiutarmi, sono finito in prigione: è stato aperto un procedimento penale. L'indagine è durata un anno e mezzo. Alla fine il caso è stato chiuso, ma ho dovuto passare quel periodo in diversi centri di detenzione preventiva. Volevo vivere una vita normale, sistemarmi, mettere su famiglia, crescere dei figli. Tuttavia, ho continuato a rimandare tutte le decisioni importanti a dopo.

L'aiuto e la grazia di Dio nel mio cuore

Nel 2003, sono andato per la prima volta al monastero dell'Assunzione a Zhirovichi, e da allora, sono andato lì nei momenti difficili della mia vita. Per me, il monastero è stato come un'ancora di salvezza. Rimanevo lì come lavoratore, mi riprendevo spiritualmente e fisicamente dopo la mia dissolutezza, e poi me ne andavo. Uno dei fratelli mi ha detto che sono arrivato nero come uno stivale militare e sono partito roso come un maialino appena nato.

croci con Cristo

Quando io, neofita, ho ricevuto la grazia, sono rimasto a lungo a Zhirovichi, poi ho cominciato a venire meno spesso, una volta ogni due anni. Alla fine, non ci sono andato per quattro anni.

È stato in un centro di detenzione preventiva che ho sentito parlare per la prima volta del centro di accoglienza e reintegrazione sociale del monastero di Santa Elisabetta. C'era gente che ne parlava molto bene, ma io non riuscivo a crederci: se era vero, perché se ne sono andati, perché erano in prigione e non lì?

Sono stato rilasciato nel maggio 2011, mi sono trasferito a Minsk e ho trovato un lavoro in un cantiere. Pensavo di non aver bisogno di andare al rifugio. Ma la dipendenza dall'alcol stava peggiorando, quindi bisognava fare qualcosa. Volevo anche smettere di essere un perdente. Quando ho preso la mia decisione, sono andato al monastero a vedere padre Andrea un sabato, ho fatto una lunga fila per confessarmi, gli ho raccontato la mia vita e lui mi ha benedetto per andare al centro di riabilitazione.

Alla fattoria del centro, ho riacquistato interesse per la vita. Ho sentito la grazia, era un nuovo inizio di vita. Abbiamo restaurato la casa dove vivevamo, avendo fatto le riparazioni con le nostre mani. C'era chi incollava la carta da parati per la prima volta nella sua vita - non correttamente, ma lo faceva da solo.

fare una croce con Cristo e santi

Abbiamo anche restaurato la chiesa della Natività di San Giovanni Battista nel cimitero locale. Per noi è stato un vero miracolo, considerando la nostra vita passata piena di peccato. Spesso il lavoro che dovevamo fare, era un lavoro mai fatto prima.

Dopo alcuni mesi nella fattoria sono stato invitato a lavorare nella tipografia del monastero. Mentre lavoravo lì, una sorella mi ha chiesto di aiutarla a spostare i bambini malati in sedia a rotelle nell’istituto per bambini diversamente abili. Qualcosa è scattato dentro di me quando sono arrivato lì. Ho iniziato a passare sempre più tempo con i bambini dell’istituto, volevo essere d'aiuto, visto che nella maggior parte dei casi sono le donne a lavorarci. Ho portato i bambini alle attività e alle passeggiate, li ho aiutati con i loro pasti. Questi bambini vedono il mondo in un modo speciale e molto diverso e ci aiutano a scoprire la bellezza delle cose ordinarie. Un sacerdote che ha visitato i bambini nell’istituto ha detto che molti di loro non potevano nemmeno alzarsi da soli per guardare fuori dalla finestra, ma questo non ha impedito loro di sorridere. Così ho capito che questi bambini sono felici delle cose che noi non notiamo più.

Misericordia e perdono

Prima di arrivare al centro di riabilitazione, ho avuto l'opportunità di parlare con qualcuno che aveva vissuto lì. Ne parlava con tanto risentimento e rabbia, dicendo che era stato sfruttato. Non gli ho creduto. Ma ha ammesso di aver lasciato la fattoria diverse volte e di essere tornato alle sue vecchie abitudini. Così ho pensato: "Ti abbiamo perdonato comunque". Come si scoprì più tardi, era stato perdonato e accolto più volte.

croce con l icona di Cristo

Io stesso amavo il peccato e non è stato facile per me sradicarlo. Sono stato pagato per il mio lavoro alla tipografia. Con i soldi, la necessità è sorta immediatamente. Nella fattoria potevo facilmente fare a meno di un telefono cellulare, ma ora ne avevo urgente bisogno e, per qualche motivo, non meno di uno smartphone.

Il nemico non dorme: ho iniziato a giudicare gli altri, sono crollato, ma rendendomi conto del mio errore, ho chiesto perdono e sono tornato alla fattoria. Sei mesi dopo, mi fu dato il lavoro al negozio del monastero. Mandavo tutto all’aria, me ne andavo e tornavo, ero perdonato. Invece di fare un lavoro interiore, mi sono messo comodo: un errore - una confessione - il perdono. I risultati di questa negligenza si fecero presto sentire. A poco a poco ho smesso di venire in collegio, solo d'estate accompagnavo i bambini che andavano in un campo. Una volta in città, ho girato per i "punti caldi", ma mi sono sempre sentito abbattuto. Ero sul punto di diventare un tossicodipendente. La mia ragazza mi ha aiutato: mi ha fatto una flebo e mi ha chiesto di tornare al centro di accoglienza.

Passo dopo passo: uscire dall'abisso

Padre Eugenio dice che per far entrare il Signore nei nostri cuori, dobbiamo prima liberarlo dal peccato. Il padre spiega che la dipendenza è una malattia che Dio può guarire. Dobbiamo pregare il Signore, ma dobbiamo anche fare i nostri sforzi per sradicare il peccato in noi.

Al centro di riabilitazione ho iniziato a lavorare nel laboratorio di incisione laser. Creo icone. Questa è un'altra possibilità che Dio mi ha dato.

Non posso dire di essere cambiato molto, ma capisco che Dio lavora a modo suo. Vivo sobrio da più di un anno, ma non sto ancora facendo progetti per il futuro. In questo momento l'opzione migliore per me è rimanere qui al centro. Prima di tutto devo riuscire a stare lontano dall'alcol per tre anni, e tutto il resto sarà dato.

fratello Ruslan in santa obbedienza

Padre Eugenio Pavelchuk, che guidava un gruppo di sobrietà al monastero, una volta disse che noi conoscevamo tutto lo sporco, ma al monastero ne venivamo lavati. È una grande benedizione che il monastero esista, che le suore compiano il loro unico servizio nel cercare di aiutare le persone che hanno commesso errori nella loro vita e hanno perso tutto. Sono pronti a perdonare i loro fratelli ancora e ancora. È un luogo dove ci rendiamo conto di quanto il Signore ci sta aiutando in questa vita. È anche un luogo dove troviamo la speranza di ricevere il Suo perdono.

Views: 20
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Comment