Vita delle sorelle di assistenza domiciliare

9. agosto 2021

servizio di infermiere visitatrici del nostro Monastero di Santa Elisabetta

Sono passati sette anni dal lancio del servizio di infermiere visitatrici del nostro Monastero di Santa Elisabetta che era creato con la benedizione del padre Andrea Lemeshonok nel luglio 2014. Le infermiere hanno già accumulato molta esperienza. Ora progettano di costruire una struttura di assistenza residenziale per gli anziani. Tuttavia, è solo un piano. Oggi riescono a malapena a far fronte all'afflusso di telefonate che ricevono ogni giorno: a Minsk, come in qualsiasi altra grande città, c'è un sacco di gente che ha bisogno di infermiere visitatrici che si prendano cura dei loro parenti anziani costretti a letto e fragili.

Anna Kovalevskaya, responsabile dell’Assistenza Domiciliare, insieme ad altre sorelle che hanno scelto questo difficile percorso di ministero, ha dovuto imparare molto. Le infermiere hanno dovuto persino viaggiare a Mosca e San Pietroburgo per acquisire conoscenze mediche e competenze speciali. I semplici impulsi compassionevoli non bastano: ogni giorno che passi al letto del tuo paziente è una prova della tua misericordia e della tua perseveranza. Non c'è molta aria calda qui. Coloro che sono diventati infermiere visitatrici lavoravano in vari altri ambiti. Erano contabili, insegnanti, venditori, psicologi, matematici, radiofisici, manager, coreografi, ingegneri, metalmeccanici, informatici e persino cosmetologi. Ora sono uniti da una causa comune. Si riuniscono ogni settimana per discutere nuove questioni, condividere le loro esperienze e pregare. Si possono ascoltare molte storie interessanti durante queste riunioni... Non voglio addentrarmi nelle statistiche e creare qualcosa come un resoconto del lavoro che è stato fatto durante gli ultimi sette anni (dato che ci sono molte più richieste di aiuto rispetto alle sorelle disponibili).

Quello che vorrei fare è registrare e dare voce all'esperienza unica che le sorelle (e i fratelli) della misericordia hanno nell'affrontare la debolezza causata dall'età avanzata. Mi piacerebbe mettere a fuoco le ragioni per cui le persone devono essere vecchie, malate e deboli, diventando infine "senza gloria e brutte". Qualcuno ha paragonato una persona anziana a un legno secco e senza vita. Quando l'ho letto, mi è sembrato che una persona anziana sia più simile a una conchiglia fangosa e ruvida dentro la quale c'è una perla preziosa che è la sua anima, che cresce lentamente ma costantemente.

Capitolo 1. "Diventano inseparabili da te..."

Sorella Elena: Io percepisco ogni persona disabile come se non lo fosse affatto. Alexander Ivanovich ha avuto un ictus, e ora una delle sue braccia funziona già. Si dimentica dell'altro. Dico "Ciao" e lui allunga il braccio funzionante per salutarmi. "Abbiamo già stretto quella mano. Mi interessa stringere anche l'altra mano". - "Non funziona". - "Chi te l'ha detto?". E gli faccio tendere l'altra mano finché non lo fa davvero.

Sorella Natalia: Prima di fare qualcosa, qualsiasi procedura, siamo obbligati a parlarne ai nostri pazienti e ad avvertirli in anticipo affinché siano pronti. Possiamo lodarli dopo il fatto, ma non dobbiamo mai trasformarli in bambini piccoli e indifesi. Cioè, dobbiamo sempre fargli sentire che hanno il pieno controllo. Altrimenti, possiamo impedire loro di fare qualcosa e uccidere il loro desiderio di fare qualcosa facendo tutto per loro.

Sorella Giovanna: Anna Nikolayevna ha avuto un ictus. La sua famiglia non era abituata ai sentimenti. Ha tanto bisogno di tenerezza e di amore! Non molto tempo fa ho voluto toccarla senza motivo, non perché me ne stessi andando. Era seduta su una sedia. L'ho guardata negli occhi e mi sembrava di aver vista mia madre. Le ho chiesto: "Posso baciarti gli occhi?". Lei rispose: "Certo che puoi...". Ha alzato il braccio mezzo paralizzato e mi ha abbracciato. Mi abbraccia sempre quando me ne vado. Questa volta ho sentito la sua tenerezza: mi ha guardato con gli occhi di mia madre, che si chiamava anche lei Anna...

***

Sorella Anna Kovalevskaya: C'era una vecchia signora la cui unica gioia era quella di venire in un negozio del Monastero di Santa Elisabetta e parlare con la sorella. Chiedeva aiuto alla sorella. Siamo andati a trovarla e l'abbiamo conosciuta. Era così... forte! Sapeva suonare la chitarra e cantare; conosceva molti proverbi e modi di dire divertenti. Tuttavia, era molto debole perché aveva più di 80 anni. Nominammo sorella Anna come sua infermiera personale. I suoi compiti erano di pulire la casa dell'anziana signora, di portarle del cibo e di portarla all'aperto.

Se vieni da questa vecchia signora solo per un po', solo per vederla, è impossibile lasciarla rapidamente. Lei chiede: "Te ne stai già andando?". E c'è tanta tristezza e incredulità nei suoi occhi.

Recentemente, si è sentita molto male a causa di una pancreatite acuta. Sorella Anna ha saltato tutto quello che stava facendo, è venuta da quell'anziana signora, ha chiamato l'ambulanza e stava visitando l'anziana signora in ospedale due volte al giorno, anche se nessuno glielo chiedeva... Ci sentiamo come se queste anziane signore fossero nostri parenti.

***

Sorella Irina: Maria Ivanovna era molto difficile da trattare fisicamente. Stava attraversando un momento difficile nella sua vita - e nella vita di coloro che le erano vicini. Non era assolutamente in grado di muoversi, e questo comportava difficoltà nel fornire l'igiene e nel trattare le piaghe da decubito. Anche la sua personalità era difficile da sopportare, senza dubbio.

Sorella Anna Kovalevskaya: Abbiamo discusso la situazione con padre Andrea, il padre spirituale del Monastero di Santa Elisabetta, e abbiamo deciso che dovevamo continuare ad occuparci di lei fino alla sua morte. Irina non solo si è presa cura di Maria Ivanovna fino alla sua morte, ma l'ha anche accompagnata nel suo ultimo viaggio: ha partecipato al servizio funebre di Maria Ivanovna ed è andata alla sua sepoltura in un cimitero remoto. Ha anche letto il Salterio vicino alla tomba. Quando Maria Ivanovna fu sepolta, ci sentimmo così bene!

Sorella Irina: La sensazione era incredibile: era una combinazione di leggera tristezza e tranquillità. Non mi sentivo oppressa. Naturalmente, ti abitui a ciascuno dei tuoi pazienti. Li fai entrare nel tuo cuore e diventano parte della tua vita.

Servizio infermiere visita suonare la chitarra

Capitolo 2. "Imparare dai nostri errori..."

Sorella Natalia: Ultimamente ho sentito molta Grazia nel mio cuore. Non ho sperimentato nulla di simile prima. Non so a chi apparteneva la mia vita precedente e chi ho servito. Lo cercherò più tardi. In questo momento, ho la sensazione di poter finalmente servire Dio e fare qualcosa che gli piace. Mi sento benissimo perché ho l'opportunità di servire persone come me...

***

Sorella Giovanna: Non è stato un caso che Dio mi abbia portato a questo servizio. Mi piace fare la mia obbedienza. Entro nell'appartamento del mio paziente e mi lavo velocemente le mani. La mia paziente è seduta o sdraiata nel suo letto, e tutto quello che voglio è inginocchiarmi davanti a lei per essere allo stesso livello con lei...

Sorella Natalia: A proposito, siamo addestrati a lavorare in ginocchio per la nostra sicurezza, prima di tutto. Dobbiamo essere sempre in piedi. Non ci devono essere casi in cui si lavora duramente un giorno e si è completamente esausti il giorno dopo. Esercitiamo le abilità che useremo in servizio nella palestra della scuola cristiana gestita dal Monastero di Santa Elisabetta. Dato che le condizioni che dobbiamo affrontare non sono lontanamente adeguate (ci sono poche persone che possono permettersi letti speciali), lavoriamo in ginocchio per essere allo stesso livello del paziente, preservare la nostra salute e aiutare i nostri pazienti al meglio delle nostre capacità.

***

Sorella Larisa: Gli anziani sentono la mancanza di interazione umana. Quando abbiamo visitato Rimma Dmitrievna, abbiamo parlato anche con suo marito. Era sollevato di poter raccontare a qualcuno della loro vita in Bashkiria e di come facevano agricoltura di sussistenza lì. La gente si perde molte cose perché non parla con gli anziani. I nipoti sanno davvero come sono i loro nonni e cosa pensano?

***

Fratello Vittore: Otteniamo ciò che ci manca - pazienza, misericordia, amore, mitezza, fede, speranza, pace e gioia - quando aiutiamo i malati. Questo ministero mi salva dalle tentazioni che mi circondano, dall'ozio, dal peccato. È così importante essere forti nella fede e accettare tutto ciò che il Signore dà!

***

Sorella Irina: Arrivi da un nuovo paziente, e non sai che tipo di persona è, e quali sono le sue condizioni di salute. Appena arrivi, lo vedi con i tuoi occhi. Non puoi abbandonare quella persona. Devi aiutarlo: dargli da mangiare, vestirlo e lavarlo. Non c'è nessuno tranne te con quella persona. Come puoi lasciarlo? La tua coscienza non te lo permette. Oggi, domani e dopodomani - devi fare qualcosa ogni giorno. Torno a casa pensando a cos'altro posso fare per aiutare in modo più efficace.

***

Sorella Elena: È interessante notare che quando lavori duramente in ufficio e poi aiuti altre persone come volontario, torni a casa così ispirato. Si scopre che per quanto ti sfinisci, ricevi in cambio molta energia.

Una volta un mio parente mi ha chiesto: "Elena, dove trovi tanto vigore, perché sei così energica?" Questo ministero di infermiera visitatrice mi dà la forza di vivere e di aiutare gli altri, ed è sufficiente per tutti quelli che incontro.

***

Sorella Irina: Una vecchia signora mi incontrava con le seguenti parole: "Irina, da quanto tempo non ci vediamo. È stato Dio a portarti da me". Poi continuava dicendo: "Non ho niente da darti in cambio. Cucirò qualcosa per te, stanne certa!". In effetti, mi ha dato un sacco di cose. Quando vieni lì, devi fare così tanto! Quando te ne vai, senti le ali dietro la schiena. Ti senti pieno di energia. Senti che c'è qualcun altro con te.

***

Sorella Anna Kovalevskaya: C'erano molte persone che ci chiamavano e volevano aiutare nel nostro servizio. È interessante notare che quelli che non credevano in Dio e non facevano la Comunione ci lasciavano qualche tempo dopo...

visita pazienti allettati

Capitolo 3. Qual è la cosa più importante?

Sorella Elena: L'aspetto più importante del nostro servizio è la nostra fede nel Signore. Essa ci dà forza. L'atteggiamento umano verso gli esseri umani è il secondo requisito più importante per il nostro ministero.

Sorella Giovanna: Il nostro compito non è solo pulire la padella e fare la casa. Dobbiamo anche occuparci delle loro anime.

Sorella Elena: Non siamo solo assistenti. Non cambiamo solo i pannolini. Un'infermiera in visita deve sentire l'altra persona. La prima cosa che facciamo prima di uscire per il nostro servizio è pregare che il Signore ci benedica e ci mostri di cosa ha bisogno quella persona in un dato momento e cosa dobbiamo dirgli, come dobbiamo avvicinarci a lui.

Dobbiamo trattare queste altre persone come noi stessi. I parenti di Nadezhda Konstantinovna hanno trovato un'infermiera per lei quando era in ospedale; lei piangeva mentre mi raccontava come quell'infermiera si occupava di lei: "Voglio mangiare, e ho bisogno che il piatto sia messo sul mio petto mentre mi nutro. Lei mi ha nutrito dal mio lato. Mi sono lamentata che non mi sentivo a mio agio, e lei mi ha risposto: 'Ti sbagli. Ti senti bene". Poi, quando le ha cambiato i pannolini - si badi bene, l'anziana signora aveva appena subito un intervento chirurgico all'osso dell'anca rotto, e aveva la febbre alta e aveva anche l'uretrite - l'infermiera l'ha afferrata per il lato dolente. "Le ho detto che sentivo dolore. Lei ha liquidato la cosa, 'Non puoi sentire dolore! Poi ho sentito dolore al tallone, 'Per favore guardi il mio tallone, che succede?' - 'No-no, va tutto bene'. Quando un chirurgo mi ha visto, si è scoperto che era una piaga da decubito sul tallone". In effetti, l'anziana signora è stata dimessa dall'ospedale in gravi condizioni.

Quando sono arrivato da Nadezhda Konstantinovna, stava piangendo. Abbiamo parlato con lei, ed è tornata in vita. Quando sono andata a trovarla la settimana successiva, ho visto che era splendente: basta dire due parole per sostenere una persona, e si sentirà molto meglio.

Sorella Irina: Non è facile dire cosa è più importante nel nostro servizio. Ci sono molti aspetti importanti. I sentieri che portano a Dio sono diversi, e così anche il significato del servizio - ogni persona ha il suo. Il fatto che il nostro servizio ci insegni ad essere umili è fondamentale.

Fratello Vittore: La cosa più importante è che devi essere pronto a sacrificarti per la salvezza della tua anima e per il bene del tuo prossimo. E, naturalmente, per il bene del Regno Celeste.

Views: 23
Ratings: 0/5
Votes: 0
Scopri di più
Articoli simili
Comment