"Ci aiutano a rimetterci in piedi" - testimonianze da un laboratorio

13. agosto 2021

novizio alexandra

Per oltre due anni, il laboratorio "Dobrodel" [Benefattore] ha fornito un lavoro di assistitenza alle persone con disabilità che hanno difficoltà a trovare e mantenere un lavoro stabile. Abbiamo chiesto alla responsabile del laboratorio, Novizia Alessandra e ad altre tre persone che lavorano qui di raccontarci come il laboratorio ha cambiato le loro vite.

Novizia Alessandra (Markova), responsabile del laboratorio

Sono passati più di due mesi da quando ho iniziato la mia attuale obbedienza. Quando sono arrivata qui, il laboratorio era chiuso da più di cinque mesi a causa dell'epidemia e delle restrizioni per la quarantena. Era anche pronto per trasferirsi in un nuovo edificio. Come potevo affrontare la grandezza del compito? Questa domanda mi teneva sveglia la notte. Pregavo Dio che mi desse la forza.

Come è detto nel Vangelo secondo Luca (18:27), "Le cose impossibili agli uomini sono possibili a Dio". Dio è amore. Le persone con cui lavoro lo sentono sempre, quindi non c'è bisogno di cercare un approccio diverso nei loro confronti.

Una delle persone che lavorano qui aveva una dipendenza dal gioco. Lo affrontavo spesso, ma poi ho solo mostrato un po' di simpatia e ho scoperto una persona diversa. Direi che ogni obbedienza o lavoro è un'espressione d'amore.

Sto lavorando per creare un'atmosfera piena di preghiera e di grazia. La preghiera e l'amore dovrebbero permeare tutto il nostro lavoro. Fin dall'inizio, ho fatto in modo di avere pasti condivisi alla stessa tavola. Celebrare insieme feste è anche un ottimo modo per unire tutti. Commemoriamo le grandi feste del calendario della chiesa e celebriamo i compleanni - compriamo una torta e la mangiamo insieme, e facciamo dei regali con i materiali che abbiamo a disposizione.

Le persone che lavorano qui sono speciali. Ce ne sono dodici ora, tanti quanti gli apostoli (sorride). Tutti hanno un grande potenziale artistico. Guarda Katya. Guarda come è brava a dipingere le palle di Natale, e ha difficoltà a parlare. Ci vuole grande abilità per dipingere un'immagine su una superficie sferica. Suor Elena non ha un'istruzione specializzata, ma è un'artista molto abile. Realizza opere bellissime. Tutti qui sono inviati da Dio.

pittore al lavoro

Facciamo una varietà di cose belle, come palle di Natale, souvenir e biglietti d'auguri. Ci stiamo preparando a produrre opere d'arte tematiche dedicate alla vita religiosa e monastica - figure di angeli, diari con comandamenti biblici e citazioni degli Apostoli e dei Santi Padri. Attualmente stiamo colloborando con una tipografia. Hanno finito di stampare una serie di sacchetti di carta per i regali per Capodanno e ci hanno chiesto di piegarli. Questo lavoro ci ha tenuti occupati per quasi due giorni.

Le persone vengono pagate per il loro lavoro, anche se lo stipendio è ancora molto modesto. Vorremmo poter pagare di più e vedere i nostri prodotti venduti. Abbiamo raggiunto un accordo con un grande centro commerciale di Minsk per gestire uno stand dedicato ai nostri prodotti. Questo è un buon inizio, ma abbiamo bisogno di più ordini e più aiuto finanziario per aiutare più persone. Sono sicuro che il Signore vede la nostra benevolenza e ci aiuterà. Le persone qui hanno bisogno di sapere che il loro lavoro è apprezzato e necessario.

Dimitry, 25 anni

La novizia Alessandra ci presenta Dimitry: "Dimitry è autistico. Vive una vita pura e onesta. È gentile e amichevole. È un piacere stargli vicino e io sorrido sempre quando lo vedo. È una tale gioia!"

"Mi piace qui", dice Dimitry, fiducioso. "Dipingo su ceramica, lavoro spesso su campane e incensieri. Mia madre ha imparato a disegnare da bambina. Ha insegnato anche a me a disegnare e a dipingere. Andavo in uno studio di pittura e ho imparato lì. Il mio disegno è migliorato molto nello studio. Credo in Dio. Lui mi aiuta. Visito le chiese. Mi piace stare in chiesa. Mi piace assistere alle funzioni e mi sento molto a mio agio lì. Mi piace guardare i sacerdoti e i parrocchiani. E conosco un bel po' di preghiere.

Mi piace anche cantare. Canto sempre. Canteremo l'inno "Molti anni" per il mio compleanno il 2 febbraio. Amo l'estate e il sole. Mi diverto molto in estate, vado a nuotare e prendo il sole".

Anna, 24 anni

Quando mia madre mi ha portato qui, ero in uno stato molto disagiato. Ero stata ricoverata dieci volte alla clinica psichiatrica di Novinki. Avevo una formazione da pittrice, ma mi sembrava che non solo avessi perso tutte le mie capacità di dipingere e disegnare, ma che fossi incapace di fare qualsiasi lavoro. Avevo frequenti episodi. Mi sentivo inutile, abbandonata e anche molto sola. Stavo perdendo la testa.

Nel laboratorio passo la maggior parte del mio tempo a fare borse artigianali. Il lavoro è semplice, ma è anche molto interesante, e il tempo passa velocemente. I nostri prodotti sono attraenti ma semplici. Non devo lavorare più di quanto sono in grado di fare. Il mio lavoro è ciò che mi fa alzare dal letto la mattina e mette ordine nella mia vita. Se fossi rimasto a casa, avrei finito per dormire tutto il tempo.

Ho provato altri lavori, ma ero molto stressata. Lavorare nel laboratorio è il più confortevole per la mia anima. Mi piace l'atmosfera amichevole e apprezzo la possibilità di socializzare oltre a lavorare. Tutti e tutto mi sono familiari, è quasi come essere a casa.

Lavorare nel laboratorio rafforza anche la mia fede. Preghiamo e impariamo ad essere positivi e ottimisti. Mi aiuta a mantenere la pace interiore. Sono felice di essere qui, mi stanno aiutando a rimettermi in piedi.

laboratorio convento di sant elisabeth

Recentemente ho ricominciato a disegnare. Disegno per piacere e ho già messo insieme un portfolio. Sento che la mia vita sta tornando alla normalità e ho più fiducia nel mio futuro.

Valentina, 50 anni (il nome è stato cambiato per mantenere l'anonimato)

Sono laureata in ingegneria. Ho ricevuto il diploma e sono stata ricoverata in una clinica psichiatrica un anno dopo. La mia condizione è ereditaria, mio padre ha avuto il suo primo episodio a 43 anni. Il mio è stato subito dopo aver dato alla luce mio figlio. Ma i medici erano sicuri allora che mi sarei ripresa completamente.

Quando mi sono ammalata, tutti i miei amici all'università si sono allontanati da me. Sono venuti a trovarmi a casa, hanno visto le condizioni in cui ero e hanno detto a mia madre: "Ci dispiace, ma potresti dirle che non possiamo più continuare a vederla. Le vogliamo bene, non è cattiva, ma non c'è modo di rimanere in contatto mentre è malata". Mi sentivo molto sola, e desideravo avere degli amici.

Alla fine, mi hanno assegnato un grado di invalidità. Prima ero rimasto sotto osservazione medica, e potevo fare molti lavori, ma non come ingegnere. Ho provato in molti posti. Ho lavorato in una scuola, al giardino botanico piantando fiori, e persino come caposquadra in una fabbrica di plastica. Al lavoro, nessuno sapeva della mia condizione. Ma non potevo più nasconderla quando ho ottenuto un grado di invalidità.

Finché i miei genitori erano vivi, mi hanno sostenuto. Non ho lavorato un solo giorno per sei o sette anni mentre stavo con loro. Volevo solo essere lasciata sola per poter dormire e riposare. Mia madre mi scriveva dei promemoria: "Spazza il pavimento, prendi una boccata d'aria sul balcone, fai una piccola passeggiata".

workshop sociale lavoro

Quando mia madre è morta, ho dovuto imparare a vivere da sola, pagare l'affitto, lavare i vestiti. Ho chiesto a mio padre, malato, di vivere con me. Quando è morto, ero in ritardo di dodici mesi con l'affitto. Non so ancora leggere i contatori dell'acqua e del gas. Mio figlio mi paga le bollette. Ora ha vent'anni, ha un lavoro ed è sano.

Tutte le persone con disabilità sono disposte a lavorare, nessuno vuole stare a casa. Siamo un peso per le nostre famiglie - ce lo dicono spesso i nostri parenti. Le nostre pensioni sono piccole e mantenerci è molto costoso. Un amico mi ha parlato di questo laboratorio al monastero di Santa Elisabetta. Per persone come me, è l'unica vera possibilità di lavorare. Questo è il mio secondo anno qui. Faccio borse artigianali. Tre anni fa ho incontrato mio marito e siamo venuti qui insieme. Ora siamo entrambi in remissione. Gloria a Dio per tutto. Sono sposata, ho un lavoro e mi piace.

Il laboratorio continua a fornire lavoro alle persone diversamente abili in un momento in cui le opportunità di lavoro per loro stanno diventando sempre più scarse. Per le persone che lavorano qui, offre la possibilità di fare un'esperienza positiva di lavoro, di superare la solitudine e l'isolamento, di alleviare le difficoltà delle loro famiglie e di contribuire alla società secondo le loro capacità.

Puoi aiutarci a sostenere più persone ordinando uno dei nostri prodotti. Puoi vedere alcuni esempi nella presentazione qui sotto. 

matrioska di legno
libro a punto croce
pettine di legno
sacchetti carta artigianali

Accettiamo anche le donazioni.

Views: 26
Ratings: 5/5
Votes: 1
Scopri di più
Comment